Russia, ora è UFFICIALE: la decisione sul destino dei club impegnati in Europa

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Arriva la notizia della sospensione dei club russi e della Nazionale dalle competizioni internazionali a tempo indeterminato. Questo è quanto emerge da un comunicato diffuso in forma congiunta da UEFA e FIFA, in virtù di quanto sta accadendo in questi giorni. È questo il primo vero effetto dopo i bombardamenti nella regione del Donbass.

La notizia è diventata ufficiale nei minuti scorsi, dopo che nella giornata odierna era iniziata a circolare questa ipotesi. Una ipotesi che si è trasformata in realtà in altri sport, come nel caso del basket. Qui la Fiba ha deciso di sospendere a tempo indeterminato le squadre impegnate nella Eurolega e nella Champions League.

Un destino decisamente più aspro è invece toccato alla rappresentativa nazionale e a tutti i club che potevano ancora giocarsi qualcosa nelle competizioni internazionali. Come nel caso dello Spartak Mosca, che avrebbe dovuto giocare gli ottavi di finale di Europa League contro i tedeschi del RasenBall Lipsia.

Sospensione club russi, la decisione di Fifa e Uefa

Questo nel dettaglio è il comunicato congiunto diffuso da FIFA e UEFA nei minuti precedenti:

Dopo le iniziano decisioni adottate dal Consiglio della FIFA e dal Comitato Esecutivo dell’UEFA, che prevedevano l’adozioni di misure aggiuntive, FIFA e UEFA hanno deciso insieme che tutti i team russi, come rappresentative nazionali e squadre di club, debbano essere sospesi dalla partecipazione a tempo indeterminato nelle competizioni FIFA e UEFA. Queste decisioni sono state adottate oggi dall’ufficio del Consiglio della FIFA e del Comitato Esecutivo UEFA, le più alte corporazioni in ambito decisionale su questi temi. Il calcio è tutto unito nella solidarietà verso tutte le persone colpite in Ucraina. Entrambi i presidenti sperano che la situazione in Ucraina migliori in maniera significativa e rapida, così che il calcio possa tornare a essere un vettore per l’unità e la pace tra gli uomini“.