Consigli fantacalcio | I Flop difesa, centrocampo e attacco della 35^ giornata

www.imagephotoagency.it

Tutto pronto per la 35^ giornata di Serie A. Fantallenatori pronti a giocarsi al meglio le mosse e le strategie per il 35° turno di campionato. Massima cura del dettaglio e cura maniacale di ogni minima scelta.

Oltre a tutti i consigli generali, con la nostra analisi dei consigli fantacalcio riguardanti i top e flop di giornata, vogliamo indirizzarvi in modo corretto su chi non schierare in questo trentacinquesimo turno di campionato.

Come ragionare? Cosa considerare nel dettaglio? Quali dovrebbero essere le vostre valutazioni e il vostro punto di vista in vista di questa trentacinquestima giornata di campionato? I nostri consigli fantacalcio riguardanti i flop di giornata si basano su un’analisi dettagliate con i nostri numeri e statistiche.

Giusto valutare attentamente anche il calendario e ogni singolo match, giusto analizzare con estrema calma anche lo stato di forma e mentale dei vostri giocatori, aspetti fondamentali per avere la meglio sui vostri rivali di giornata; aiutatevi prendendo come riferimento le nostre probabili formazioni.

Consigli fantacalcio I Flop per reparto della 35^ giornata

Attaccanti

www.imagephotoagency.it

Orsolini (Bologna)

Bottino magro per l’attaccante: 4 gol, 3 assist e tanti palloni non gestiti al meglio (327). In avanti ci prova a dare il proprio contributo ma spesso difetta della necessaria freddezza per riuscire ad incidere: 19 tiri fuori dallo specchio e 165 passaggi non arrivati a destinazione. 

Quagliarella (Sampdoria)

Appena 4 minuti in campo per la punta nell’ultima partita pareggiata con il Verona. Giampaolo lo stima ma ormai lo considera una riserva, da gettare nella mischia quando serve. Una decisione presa alla luce dei dati riguardanti le prestazioni del capitano: in 30 presenze 3 gol, 67 duelli perduti, 124 passaggi errati. 

Verde (Spezia)

Da protagonista a panchinaro. È la strana parabola che ha per protagonista l’esterno, utilizzato con il contagocce da Thiago Motta ad aprile: 86 minuti (mai titolare) tra Venezia, Empoli e Inter, non utilizzato contro il Torino. Un trend destinato a proseguire nelle prossime settimane. Chi lo ha rosa può iniziare a prendere in considerazione l’idea di svincolarlo o cederlo.

Henry (Venezia)

Il belga è il top scorer degli arancioneroverdi (7 gol) ma in campo commette ancora troppi errori: 23 dribbling non andati a buon fine, 167 duelli perduti e 21 tiri fuori dallo specchio. Schierarlo nella giornata in cui affronterà la Juventus è un rischio troppo grande. 

Cabral (Fiorentina)

Il brasiliano non segna da 3 giornate e continua a fare una certa fatica. In tiri in porta non mancano (13) ma difetta di precisione. Occhio a Piatek, che potrebbe approfittare della situazione per tornare titolare e rubargli il posto in maniera permanente.

Centrocampista

www.imagephotoagency.it

Cristante (Roma)

Appare lento (333 palloni perduti) e troppo nervoso (35 fischiati con 9 ammonizioni). La posizione da regista, inoltre, lo porta a giocare molto distante dalla porta avversaria. Meglio mettere in campo altri giocatori.

Soriano (Bologna)

Il trequartista nella scorsa stagione aveva totalizzato 9 reti e 7 assist: in questa, invece, ai propri fantallenatori ha regalato più delusioni (4 ammonizioni e 2 rossi) che bonus (4 assist). In più, pure 292 palloni perduti. Meglio lasciarlo fuori.

Miranchuk (Atalanta)

Il russo nelle ultime 4 partite disputate ha rimediato 3 brutti voti.  In 18 apparizioni in campionato tanti errori (126 palloni non gestiti bene e 60 passaggi errati) e un contributo offensivo ridotto al minimo (10 cross errati e 4 tiri nello specchio). La Dea si aspettava ben altro rendimento da lui.

Pobega (Torino)

Il centrocampista non segna dal 19 dicembre: una vita fa, in pratica. Inoltre, è uno dei giocatori più fallosi del torneo: 70 falli commessi e 11 ammonizioni rimediate. Al bilancio (negativo) ma aggiunto il fatto che i contrasti da cui è uscito sconfitto sono ben 187.

Barella (Inter)

l centrocampista va a corrente alternata e non sempre compie la scelta giusta al momento decisivo: 39 cross sbagliati e 27 tiri fuori dallo specchio. Occhio, inoltre, ai tanti palloni regalati agli avversari: ben 405.

Difensori

www.imagephotoagency.it

Ibanez (Roma)

Il giallorosso è reduce dalla prestazione opaca contro l’Inter ed ha una fantamedia appena sufficiente (6.05). Gioca con troppa foga, che lo porta a commettere un’infinita di falli (42) e a ricevere sanzioni in altre circostante evitabili (8 cartellini gialli). Avrà il compito di marcare Arnautovic in condizioni straripanti: non è il caso di schierarlo.

Djimsiti (Atalanta)

Il peggior per distacco tra i difensori dell’Atalanta: fantamedia in continua discesa (5.67), 6 ammonizioni e 17 tackle falliti. Non basta? Pure 200 passaggi errati in fase di costruzione della manovra. Meglio lasciarlo in panchina dopo la pessima prova contro il Torino: Bonazzoli e Djuric sono in ottima forma.

De Vrij (Inter)

Tra i tre centrali nerazzurri, l’olandese continua ad essere quello che sta offrendo il rendimento peggiore: fantamedia horror (5.69), nessun contributo in fase offensiva, 33 palloni intercettati (a fronte di 116 buttati via) e 17 falli commessi. L’attacco dell’Udinese ha dimostrato di essere vivo e di saper pungere: occhio perché può vivere un pomeriggio molto complicato.

Milenkovic (Fiorentina)

Se la Viola nelle ultime 2 gare ha incassato ben 6 reti, la colpa è pure sua. Offre poche certezze (fantamedia 5.83) e troppe volte deve ricorrere al fallo per fermare l’avanzata degli avversari (41 con annessi 8 cartellini gialli). Quasi nullo il contributo in attacco: solo un gol in 30 apparizioni.

Caldara (Venezia)

Fantamedia in costante calo (5.82) per l’ex Milan, apparso poco lucido nelle ultime uscite (due insufficienze in tre gare). È poco preciso nella costruzione della manovra: 33 lanci lunghi calibrati male e 180 passaggi sbagliati. In più, 20 tackle falliti.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!