Juventus, senti Vlahovic: “Non saprei dare una valutazione. Kostic? Non volevo disturbarlo”

www.imagephotoagency.it

Dusan Vlahovic, intervistato ai microfoni di TNT Brasil, ha colto l’occasione per fare il punto della situazione alla vigilia della sfida tra Benfica-Juventus, e per sottolineare l’attuale stato di forma dei bianconeri. Occhi puntati anche sul proseguimento della stagione e focus anche sull’arrivo di Kostic, suo connazionale e compagno di squadra in Nazionale.

SULLA STAGIONE IN CORSO: “Il 2022 poteva andare meglio sul piano personale e collettivo. Tutti i giorni voglio fare di più, voglio migliorare. Si può sempre migliorare e io cerco sempre di essere più forte del giorno prima. Non saprei dare una valutazione esatta, ma si poteva fare meglio. Ora sarà importante mantenere la calma e la lucidità, pensare partita dopo partita. Il campionato è appena iniziato, è ancora lungo e può succedere di tutto”

SUL PERCORSO ALLA JUVE: “Dal primo giorno mi sono sentito integrato, tutti si sono sforzati di aiutarmi su tutto e velocizzare l’ambientamento, a partire dai compagni ai dirigenti, il presidente, tutto lo staff e ringrazio anche loro. I giocatori più anziani che hanno vissuto tanti anni nella Juve mi hanno aiutato tanto. Con il tempo sono diventato amico di molti, sono molto fortunato”.

SU KOSTIC:Ero contento quando è arrivato. Quando si è iniziato a parlare di Juve gli chiedevo se c’era qualcosa, ma non volevo disturbarlo chiedergli tanto. Quando stava per arrivare gli ho scritto un messaggio: “ma vieni?”, e mi ha risposto “sì, sì vengo”. Ero contento, per me è più facile avere uno della mia Nazionale con me, si è integrato bene, io sono stato a disposizione, come i compagni, e spero di averlo aiutato in modo da renderlo libero di concentrarsi sul campo”.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!