Juventus, Allegri tranquillizza i tifosi: “L’inchiesta non ha toccato la parte sportiva”

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Juventus-Allegri – Durante la sosta Mondiali, la Juventus ha subito un’inchiesta legale sulle plusvalenze e sulle scritture private, portando alle dimissioni l’intero Cda. La squadra di Massimiliano Allegri è reduce dalla vittoria contro l’Arsenal di Mikel Arteta in amichevole. Il tecnico bianconero è stato intervistato da Sky Sport e ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito all’inchiesta Prisma, rassicurando i tifosi. Ecco le sue parole.

Come ha ritrovato la squadra e l’ambiente? La responsabilità è sempre la stessa, la parte sportiva non è mai cambiata, noi dobbiamo pensare solo ad allenarci e a vincere le partite. Agli altri aspetti ci penserà la società, la Juventus è uno dei club più importanti al mondo, ha 120 anni di storia e continuerà ad andare avanti. Dobbiamo continuare a lavorare bene a livello di settore giovanile“.

Non c’è bisogno di lavorare psicologicamente? Assolutamente no, la parte sportiva non è stata toccata. Ci spiace che il presidente non ci sia più perché sono legato a lui a livello affettivo. Abbiamo ancora più responsabilità e quindi dobbiamo metterci ancora più impegno per portare risultati. Quando ricominceremo il campionato dovremo farci trovare pronti“.

Juventus-Allegri, le parole su Pogba

Massimiliano Allegri si è soffermato anche su Paul Pogba: “Paul non ha ancora un metro in allenamento, non so dire come e quando rientrerà. Questa è la verità, altrimenti tutti i giorni mettiamo su un teatrino su un calciatore che non ha ancora fatto un metro di corsa. Dispiace non poter fare affidamento su Pogba, spero di averlo il più presto possibile“.