Leghe FantaMaster
Home » Ultime Notizie » ESCLUSIVA | Aramu: “Fantacalcio? Sì, lo facciamo tra compagni. Vi svelo i messaggi dei fantallenatori. Fifa? E’ un gioco maledetto”

ESCLUSIVA | Aramu: “Fantacalcio? Sì, lo facciamo tra compagni. Vi svelo i messaggi dei fantallenatori. Fifa? E’ un gioco maledetto”

Mattia Aramu, classe 1995, talento e numero 10 del Venezia di Paolo Zanetti, ha firmato la promozione in Serie A a suon di gol e assist (10 e 6 lo scorso anno in B), e ora la salvezza passerà inevitabilmente, dai suoi piedi. Fantasia tanta, fame anche di più.

In Serie A ci sta benissimo, davvero. Lo dicono i numeri: 5 gol e 4 assist. Mica male per essere la sua vera prima volta, dopo qualche presenza col Torino. I fantallenatori che hanno letto nei suoi numeri il talento e la qualità di un giocatore che poteva fare la differenza anche con una spesa minima, lo apprezzano, lo venerano e… gli rompono le scatole perché “va bene il Venezia, ma noi dobbiamo vincere il fantacalcio”.

In esclusiva ai nostri microfoni si è raccontato con l’ironia di un fantallenatore, alle prese con i problemi di tutti gli altri milioni che ogni weekend devono azzeccare le scelte di formazione, e la classe di un numero 10 puro: geniale e mai fuori dalle righe. Dal fantacalcio a FIFA (“un gioco maledetto”) passando per il suo Venezia: multietnico sì, ma con un unico obiettivo: salvarsi. Il numero 10 del Venezia si è raccontato così: spontaneo e genuino come a noi fantallenatori piace. Enjoy!

www.imagephotoagency.it

Aramu in ESCLUSIVA ai nostri microfoni: “L’obiettivo personale di inizio anno era quello di andare in doppia cifra tra gol e assist”

La prima cosa che voglio chiederti è se anche tu fai il fantacalcio
“Si, lo facciamo in squadra”

Ti sei preso? Come sei messo in classifica? Come sta andando il tuo fantacalcio?
“Mi sono preso a inizio anno e in questo momento sono terzo”

Ah buono. A quanti punti dalla vetta?
“Eh tanti. Sono a dodici (ride, ndr). Il primo è tipo a nove sul secondo”

Il migliore acquisto che hai fatto? A parte te ovviamente…
“Non saprei, ti dico la verità. Forse Scamacca a inizio anno.”

È stata una perla perché a inizio anno non l’hanno considerato in tanti…
“Si”

Con chi è che fai il fantacalcio in squadra?
“Siamo in dieci: io, Lezzerini, i fisioterapisti, Mazzocchi, Forte, Vacca, Modolo, Ceccaroni, Okereke, Svodoba”

Okereke com’è messo?
“Okereke non è messo bene (ride, ndr). È nelle zone calde”

Per la maggior parte lo state facendo tra italiani, ma ai giocatori che arrivano dall’estero (come Henry, Nsame o Nani) come glielo spieghi il fantacalcio? Immagino che i messaggi arrivino anche a loro…
“No, non glielo spieghi… Adesso Ceccaroni ha comprato Nani all’asta di riparazione e gli dice sempre: ‘Mi raccomando allenati bene’. Però IL fantacalcio non è proprio argomento giornaliero, diciamo.”

Capiterà per esempio a Henry che gli arrivino messaggi del tipo “Guarda che ti ho preso al fantacalcio” e cose del genere?
“Quello sicuro però non ne parlano. Son diversi da noi”

Invece a te messaggi sul fantacalcio quanti ne arrivano? Cosa ti chiedono? Cosa ti dicono soprattutto?
“Me ne arrivano tanti sia quando faccio gol che quando faccio assist perché ti scrive quello che ti ha oppure ti scrive quello che ti ha contro. Quindi arrivano bei e brutti messaggi sia che tu fai bene o che tu fai male (ride, ndr). Ogni sabato, ogni domenica è la stessa storia”.

Qual è quello più curioso che ti è arrivato di messaggio? Quello che dici “io una cosa del genere non me la aspettavo che me la scrivessero?
“Ti giuro ne arrivano talmente tanti che non ricordo però, più o meno, c’è chi ti ringrazia e chi ti insulta. Una volta uno mi ha scritto Ti prego fatti venire la febbre che così mi entra il sostituto che aveva fatto gol… Ne escono di tutti i colori.”

Ti sei dato un obiettivo di gol e assist per questa stagione o sei contento dei 5 gol e 4 assist fatti finora?
“Ti giuro che l’obiettivo personale di inizio anno era quello di andare in doppia cifra tra gol e assist. Adesso ci sono quasi e spero di superarlo e di fare anche di più. A inizio anno era quello l’obiettivo personale.”

Tu sei uno specialista dei rigori. Stiamo vedendo in Serie A diversi errori anche di giocatori che tendenzialmente sono infallibili. Tu hai uno score molto positivo con 17 rigori trasformati su 19 tirati. Come si preparano i rigori? Come si studiano? Qual è l’aspetto del rigore di cui noi fantallenatori non teniamo conto visto che per noi sbagliarne uno è assurdo?

“Eh lo so (ride, ndr). Spero tu non me la stai tirando. Non è che mi metti un po’ più di responsabilità adesso? Comunque i rigori si fanno e si sbagliano come tutto. Se almeno lo devi sbagliare, lo devi fare con un criterio. Io vado deciso sul pallone, vado convinto con la speranza di fare gol. Però l’importante è andare deciso e convinto sul pallone.”

Tu hai il numero dieci che per antonomasia è il numero di un giocatore con le tue caratteristiche. Qualche settimana fa Verde dello Spezia ha raccontato che loro per scegliere i numeri fanno un’asta a inizio anno. Tu, essendo anche il vice capitano, sei stato un po’ più prepotente o avete un modo speciale anche voi per accaparrarvi i numeri?
“Facciamo l’asta pure noi però chi aveva quel numero gli anni prima può riconfermare. Mi è andata bene, dai. Puoi riconfermare a una cifra non alta. Quando i nuovi si scannano per un numero di maglia allora parte l’asta.”

Chi è che si è pagato di più il suo numero quest’anno?
“Nessuno in particolare. I numeri come il nove o l’undici non li volevano tutti. Il nove l’ha preso Forte a inizio anno. Henry doveva ancora arrivare e allora l’ha preso lui senza che nessuno facesse l’asta. Il resto dei numeri erano già quelli. Il sette era già di Mazzocchi. Quei numeri erano già presi e quindi non c’è stata grande asta.”

Quando Henry ha preso il quattordici (stesso numero di Thierry, ndr) voi cosa gli avete detto?
“Io dal primo giorno ho iniziato a chiamarlo Titi. Da lì in poi è per tutti Titi lui.”

Lui lo ha fatto consciamente di prendere il 14 o non ci ha pensato all’inizio?
“Su questa domanda non riesco a risponderti perché non gliel’ho chiesto. A primo impatto però, quando ha preso quel numero, la nostra era andata su lui (Thierry Henry, ndr).”

www.imagephotoagency.it

Avete anche detto se è forte come Thierry Henry quest’anno è fatto tutto…
“Esatto, esatto (ride, ndr)”

Sulle tue passioni extracalcio, non so se giochi a Fifa…
“Purtroppo si”

Perché purtroppo?
“Perché è un gioco maledetto Fifa.”

Spiegami perché…
“Perché ti cambia l’umore delle giornate. È un gioco maledetto. Meno ci gioco meglio è.”

Stavo guardando il tuo rating su FIFA e volevo sapere cosa ne pensavi. Perché ti hanno dato 72 di Overall e il massimo a cui puoi salire è 73. I valori più alti che ti hanno dato è l’agilità e la velocità, mentre i più bassi sono la difesa e il tackle…
“Non credeva in me. FIFA non credeva in me, diciamo.”

Qual è secondo te il valore che deve essere buono?
“Il tiro”

Ti hanno dato 70…
“Mmh dai.”

Quanto ti saresti dato di Overall?
“Al primo anno in Serie A 72 va bene. Però con la carta oro. Penso che i giocatori che giocano in Serie A devono avere la carte oro, non quella argentata che è brutta da vedere (ride, ndr).”

Che rapporto hai con i social? Li usi spesso?
“Ho un buon rapporto.”

Com’è essere in una squadra multietnica come il Venezia? Come fate a capirvi? Come si crea uno spirito di squadra con così tante nazionalità?
“È difficile nel senso che ci sono tante lingue, tanti giocatori che vengono da culture diverse. All’inizio è stato difficile. Anche noi ci stiamo abituando alla loro spensieratezza, al loro mondo. Loro si stanno integrando bene soprattutto nella seconda parte di campionato visto che è già passato un po’ più di tempo per ambientarsi. Anche loro capiscono di più il momento, adesso è più facile rispetto a inizio anno.”

Com’è allenarsi con un giocatore come Nani? Cosa ha portato a livello di esperienza e di qualità per un giocatore come te che hai un ruolo simile in campo? Com’è vedere giocare uno con la sua esperienza da vicino?
“È sicuramente positivo perché ti fa crescere tanto, oltre che vederlo in campo dove sa i tempi di gioco. Tecnicamente e mentalmente si vede che è un campione perché cura ogni mino dettaglio, ti dà consigli su come giocare la palla. Visto che facciamo lo stesso ruolo ti dà i consigli di come giocare il pallone, su come fare tutto. Ti aiuta molto di testa lui.”

A lui non avete consigliato di prendere il numero 7 di maglia o c’era Mazzocchi?
“Non mi ricordo. Mi sa che quando arrivato c’era ancora Mazzocchi e non ha potuto prendere il 7.”

Fantacalcio uguale voti in pagella. Come li vivete i vostri voti da fantallenatori?
“Non guardo mai a dire la verità. Non la vivo né bene né male perché più o meno possiamo immaginare quello che prendiamo alla fine della partita. Fino ad adesso non ci sono state cose eclatanti. Tranne una volta che Ceccaroni si è lamentato del suo voto quando contro la Fiorentina aveva fatto benissimo contro Vlahovic e aveva avuto un voto basso”.

Domenica avete una partita importante contro il Genoa. Se segni dedichi il gol ai fantallenatori facendo il +3?
“Ti faccio l’esultanza del 3 solo se stiamo 3-0 o 3-1. Va bene? (ride, ndr). Così le vostre forze verso la nostra vittoria sono raddoppiate. Così almeno non tifate solo per me, ma per tutti.”

Altre notizie

Calciomercato Fiorentina, tris di nomi per l’attacco: il punto su Dia, Retegui e Milik

Calciomercato Fiorentina – Nzola non ha convinto Italiano e l’ambiente, perciò l[...]

📢 Infortunio Lukaku, le sensazioni in vista di Napoli-Roma

Infortunio Lukaku – La Roma di De Rossi non avrà tempo di fermarsi dopo il ko co[...]

Calciomercato Genoa, Vitinha in bilico: Cheddira in pole, Simeone sullo sfondo

Calciomercato Genoa – Sono solo cinque le partite che avrà ancora a disposizione[...]

Calciomercato Fiorentina, tris di nomi per l’attacco: il punto su Dia, Retegui e Milik

Calciomercato Fiorentina – Nzola non ha convinto Italiano e l’ambiente, perciò l[...]

📢 Infortunio Lukaku, le sensazioni in vista di Napoli-Roma

Infortunio Lukaku – La Roma di De Rossi non avrà tempo di fermarsi dopo il ko co[...]

Calciomercato Genoa, Vitinha in bilico: Cheddira in pole, Simeone sullo sfondo

Calciomercato Genoa – Sono solo cinque le partite che avrà ancora a disposizione[...]