Torino, arriva Davide Nicola: come cambierà la formazione granata?

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Torino di Nicola: è lui l’uomo designato per diventare il nuovo allenatore granata, dopo l’addio (già reso ufficiale nella serata di ieri) da Marco Giampaolo.

Ancora manca l’annuncio ufficiale per l’ingaggio di Davide Nicola, ma già nella giornata di ieri l’ex allenatore del Genoa ha seguito l’allenamento della squadra dalle tribuna del Filadelfia e oggi firmerà un anno e mezzo di contratto con il club granata.

Il Torino ripartirà verosimilmente dal 3-5-2, modulo utilizzato da Nicola durante la sua ultima esperienza al Genoa, e già visto nelle ultime stagioni con Mazzarri, Longo e in parte anche con Giampaolo.

Ecco perchè dal punto di vista degli uomini non dovrebbe cambiare moltissimo, anche se sul piano dei principi di gioco vedremo invece qualcosa di profondamente diverso rispetto a quanto proposto da Giampaolo.

Torino di Nicola: possibili scelte tattiche e di mercato

www.imagephotoagency.it

Davide Nicola predilige infatti un calcio fatto più di verticalizzazioni, con l’obiettivo di arrivare in porta con pochi passaggi, e con meno palleggio, come invece richiedeva quasi ossessivamente Giampaolo.

Ecco perchè, anche sul mercato, gli obiettivi potrebbero cambiare: il regista tutto qualità ritenuto indispensabile potrebbe non essere più un’assoluta priorità con Nicola, che anche l’anno scorso aveva utilizzato Schone (calciatore con quelle caratteristiche) soltanto a momenti alterni.

Possibile invece che la società si butti più su uno (o anche due) centrocampisti di gamba e inserimento, che possano garantire quella verticalità e quella facilità di giocare verso la porta gradita a Nicola.

Per questo, più che per il vero e proprio regista, il Torino potrebbe dare una forte accelerata per un giocatore “alla Kurtic”, capace di assicurare una buona tecnica unita a ottime doti di inserimento e di attacco alla porta avversaria.

Il centrocampista del Parma era stato già trattato nei giorni scorsi dal Torino e siamo sicuri sia elemento gradito a Nicola: motivo in più per portare a termine l’operazione.

Torino di Nicola: chi rischia il posto?

www.imagephotoagency.it

Soltanto in rarissime occasioni (e principalmente in situazioni di svantaggio), Nicola utilizza il trequartista: Iago Falque oppure Pandev venivano utilizzati spesso al Genoa come seconde punte di qualità.

Ecco perchè sarà curioso capire l’eventuale utilizzo di Simone Verdi, un calciatore che rischia di perdere posizioni nelle gerarchie del nuovo allenatore proprio a causa delle sue caratteristiche. Stesso discorso si può riportare ad Amir Gojak, che però potrebbe con più facilità adattarsi al ruolo di mezz’ala di qualità.

Davide Nicola non disdegna infatti di schierare due prime punte davanti o comunque due giocatori in grado entrambi di andare in gol (Sanabria-Pinamonti è stata la sua coppia tipo al Genoa) e per questo, al fianco dell’inamovibile Belotti, potrebbe trovare spazio con continuità anche Zaza.

Anche se la situazione più plausibile è che la società vada a individuare sul mercato un elemento che possa garantire qualità all’attacco del Torino, ma anche un buon numero di gol: una vera e propria seconda punta, ruolo che Zaza ha dimostrato in questi mesi non ricoprire al meglio.

L’identikit del calciatore ideale da affiancare a Belotti risponde proprio al nome di Tony Sanabria, che ha fatto benissimo con Nicola al Genoa e che è in uscita dal Betis Siviglia, dove ha giocato in questa prima parte di stagione.

I rossoblù avevano provato a riscattarlo in estate, salvo poi infrangersi contro le richieste troppo elevate del club spagnolo: i granata potrebbero riprovarci, forti del gradimento dell’allenatore e sicuramente anche del calciatore di ritrovare chi lo ha fatto esprimere così bene.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!