Clamoroso, la Superlega si è sciolta: ufficiale l’addio di tutti i club inglesi. Il racconto della serata

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Superlega: dopo l’annuncio di domenica notte, è clamoroso quanto è accaduto nella serata di martedì. Ad appena due giorni dalla nascita della nuova competizione, rischia già di sciogliersi il gruppo dei 12 club fondatori. Tra addii confermati e alcuni che potranno arrivare nelle prossime ore, ecco la cronaca minuto per minuto della serata.

23.55 – Sono ufficiali gli addii alla Superlega anche di Liverpool, Tottenham, Manchester United e Arsenal ed è praticamente scontato l’abbandono anche da parte del Chelsea. I quattro club inglesi hanno annunciato attraverso i propri siti ufficiali la volontà di non partecipare più alla competizione. Significativo soprattutto l’annuncio dell’Arsenal che scrive: “Abbiamo commesso un errore e ci scusiamo per questo”.

23.50BBC e Sky Sports Uk confermano che i sei club inglesi presto usciranno dalla Superlega. Al momento è ufficiale l’addio soltanto del Manchester City, ma ci sono sempre più conferme riguardo all’abbandono di tutte le squadre inglesi.

23.35 – La riunione tra i 12 club fondatori è terminata. Florentino Perez, presidente della Superlega, non parlerà a Radio Cadena Ser come previsto in un primo momento. Il numero uno del Real Madrid non si è presentato ai microfoni, nonostante l’intervista fosse prevista per le ore 23.30.

23.15 – Tribus, azienda di orologi di lusso e sponsor del Liverpool, ha annunciato ufficialmente che abbandonerà il club inglese, qualora questo partecipasse alla Superlega: “Il calcio appartiene ai tifosi e unisce tutti noi. Non è mai stato inteso per far beneficiare solo in pochi. Siamo intenzionati a interrompere la nostra partnership con il Liverpool”.

22.30 – Immediata la risposta del presidente Uefa Ceferin, che riaccoglie il Manchester City: “Sono lieto di dare il bentornato al City nella famiglia del calcio europeo. Hanno mostrato grande intelligenza nell’ascoltare le tante voci – in particolare i loro tifosi – che hanno enunciato i benefici vitali che l’attuale sistema ha per tutto il calcio europeo; dal mondiale che ha battuto la finale di Champions League fino alla prima sessione di allenamento di un giovane giocatore in un club di base. Come ho detto al Congresso UEFA, ci vuole coraggio per ammettere un errore, ma non ho mai dubitato che avessero la capacità e il buon senso di prendere quella decisione. Il City è una vera risorsa per il gioco e sono lieto di lavorare con loro per un futuro migliore per il gioco europeo”.

22.25 – Arriva il primo comunicato ufficiale, pubblicato dal sito del Manchester City: “Manchester City Football Club conferma che sono formalmente iniziate le procedure per uscire fuori dal gruppo dei fondatori che sta pianificando l’European Super League”.

22.20Il Manchester United conferma le dimissioni dell’amministratore delegato Ed Woodward al termine della stagione. Pubblicato un comunicato del club sul proprio sito ufficiale che conferma le indiscrezioni.

22.05 – Tutti i calciatori del Liverpool si schierano apertamente contro la Superlega, con un post condiviso sui propri profili Instagram: “Non ci piace e non vogliamo che accada. Questa è la nostra posizione collettiva. Il nostro impegno verso questo club e verso i suoi tifosi è assoluto e incondizionato”.

22.00 – Intanto compaiono i primi striscioni di protesta anche fuori dall’Allianz Stadium di Torino: “La nostra storia non va infangata, barattata e commercializzata. Noi siamo la Juventus F.C. No alla Superlega. Vergognati!”.

21.35 – La BBC conferma l’uscita di Manchester City e Chelsea dalla Superlega. Il Barcellona invece lascerà la decisione al parere dei soci: si terrà nelle prossime ore una votazione e, in caso di mancata approvazione, anche il club blaugrana abbandonerà il gruppo dei 12 fondatori.

21.25 – Dalla Spagna hanno cominciato a circolare alcune indiscrezioni riguardo alle possibili dimissioni di Andrea Agnelli da presidente della Juventus. Voci per il momento smentite dagli ambienti vicini al club bianconero. Trova conferme invece la notizia secondo cui i 12 club fondatori si riuniranno in assemblea straordinaria questa sera alle ore 23.

21.15 – Arrivano conferme sulle dimissioni di Ed Woodward da amministratore delegato del Manchester United. Secondo quanto riportato da Sky Uk, l’addio del dirigente a fine stagione era già programmato da tempo e l’annuncio è stato soltanto posticipato fino a questa sera.

21.00 – Secondo quanto appreso dal Times, anche il Barcellona starebbe pensando di abbandonare la Superlega. Al momento i club sicuri a lasciare il progetto sono Chelsea e Manchester City, mentre Manchester United, Arsenal, Atletico Madrid e a questo punto anche Barcellona stanno pensando concretamente di abbandonare.

20.55 – Secondo quanto riporta Talksports, l’amministratore delegato del Manchester United Ed Woodward (tra i principali promotori della Superlega) avrebbe rassegnato le dimissioni. Intanto questa sera, i 12 club fondatori si riuniranno in un’assemblea straordinaria.

20.50 – Secondo quanto riportato da Sky Sports Uk, cinque squadre avrebbero infatti già chiesto formalmente di uscire dalla Superlega, in seguito alle pesanti proteste avvenute in questi giorni da parte delle rispettive tifoserie. Sempre secondo quanto riportato da Sky Sports Uk i club che vorrebbero abbandonare la Superlega sarebbero Chelsea, Manchester City, Manchester United, Arsenal e Atletico Madrid.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!