Napoli, Ancelotti e le quattro “grane” da risolvere

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Da quel 17 settembre, sfida vinta in Champions League contro il Liverpool, dove peraltro il Napoli ha dominato, qualcosa è cambiato e soprattutto nell’ultima settimana ci vuole un pieno intervento di Ancelotti dopo i due pareggi a reti bianche con Genk e Torino. I giocatori dal centrocampo in sù non sono gli stessi di inizio stagione, poi l’attacco non va e c’è il caso Insigne da “recuperare”. Il Corriere dello Sport analizza i quattro casi che l’allenatore deve aggiustare.

Partiamo dal capitano: per Lorenzo Insigne non è questione di numeri: tre gol fatti e altrettanti assist. Ma di responsabilità: che ancora probabilmente non si è preso, e questo trova sicuramente rinforzo nella tribuna col Genk o nel non sfruttare l’occasione importante con il Torino. Le aspettative su di lui sono tantissime, e non può essere solo il modulo o altro a fargli fare la differenza. E Lozano? Allenamenti diversi, necessità di ambientamento, difficoltà con la lingua e con le abitudini, e allo stesso tempo la capacità di apprendere un calcio fuori dai propri canali. Potrebbe essere questa la problematica dell’ex PSV, giocatore per cui il Napoli ha investito maggiormente nei 93 anni di storia del Napoli. Al Psv dopo 6 giornate aveva segnato 6 gol, in Italia appena uno, e il fatto di essere stato l’acquisto più caro della storia azzurra può essere un peso da sopportare nel processo di integrazione.

Poi il problema del gioco: ci si aspettava un Napoli più pimpante con il Torino, e invece? Delusione totale, probabilmente con i granata la peggiore prestazione stagionale. Squadra senza gioco e con poche idee! E per finire la mancanza di un regista (e Allan non ha queste caratteristiche): “un play che interpretasse il ruolo a modo proprio, giocando corto e poi lungo, andando negli angoli di passaggio, o fungendo da schermo dinnanzi alla difesa, collegandosi spesso in orizzontale”, si legge su Il Corriere dello Sport.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!