Milan, Piatek: “Se segni 30 gol in 48 partite non sei fortunato! Su Giampaolo, Kessiè e Paquetà…”

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Intervistato da Foot TruckKrzysztof Piatek si è soffermato su vari argomenti: la difficoltà del pre-campionato e di queste prime due giornate, il perchè della 9… ma soprattutto ha raccontato qualche retroscena su alcuni compagni di squadra:

UDINESE E BRESCIA –Nell’ultima partita contro il Brescia quando la palla si è fermata sulla linea i miei compagni e l’allenatore hanno scherzato con me dicendomi ‘Perché questo 9? Cambialo’, ma io ho sempre voluto giocarci. Dopo le amichevoli pre stagionali non ero pronto fisicamente come lo sono adesso. Non ero al 100% contro l’Udinese e non è facile adattarsi al gioco di Giampaolo, servirà del tempo”.

IL MODO DI DIFENDERE IN ITALIA – “Ci sono state occasioni in amichevole contro il Cesena dove i difensori mi tenevano con entrambe le mani, quasi come in un combattimento. Per me è strano che gli arbitri in Italia proteggano più i difensori che gli attaccanti”.

ESSERE PROLIFICO –Se segni 30 gol in 48 partite non sei fortunato. Se segni otto gol in cinque o sei partite potresti aver avuto fortuna ma non è stato così”.

IL PIU’ SIMPATICO NELLO SPOGLIATOIO – “Il più spiritoso è Kessie. È uno molto positivo e incredibilmente pazzo. Urla, balla nello spogliatoio con la musica mentre qualcuno è al telefono, non gli interessa nulla. 

PAQUETA’ – “Con Paquetà riusciamo a parlare con un italiano improvvisato, qualche volte gesticoliamo e lui parla in portoghese. Gattuso non capiva infatti come potevamo andare così d’accordo (ride, n.d.r.). Lucas è un giocatore incredibile, tecnica e forza fisica. Ha anche capacità di prendersi rischi che spesso fanno arrabbiare l’allenatore”. 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!