Inter, Spalletti: “Keita out. Nainggolan? Non è al top, devo valutare…”

Twitter, @Inter

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

L’Inter di Luciano Spalletti si prepara a tornare in campo. Seconda gara ufficiale del 2019 per i nerazzurri, la prima per quanto riguarda la Serie A. Nella consueta conferenza stampa della vigilia, l’allenatore dell’Inter ha fatto il punto su quella che è la condizione generale della squadra e su quello che si attende dai suoi da qui al termine della stagione.

In chiave fantacalcio, dalla conferenza stampa dell’Inter, arrivano brutte notizie soprattutto per quello che riguarda Keita Balde che non verrà nemmeno convocato per la gara contro il Sassuolo. Su Nainggolan invece è stato più vago: nonostante il belga sia a disposizione non è detto che scenderà in campo dal primo minuto.

Inter, la conferenza stampa di Spaletti

Su Keita Balde che non sarà a disposizione per la gara di domani sera a San Siro dell’Inter contro il Sassuolo:

Purtroppo non potrà essere della partita, ha avuto questo piccolo infortunio e mi dispiace, perchè stava attraversando un buon momento. Ma abbiamo una rosa in grado di sopperire alle assenze dei giocatori

Su Nainggolan invece, Spalletti, è stato più vago su quelle che sono le possibilità di vederlo o meno domani sera in campo:

Radja sta recuperando perché ha avuto un po’ di problemini a livello fisico e lui è uno che del supporto fisico ne ha bisogno. Chiunque di noi, perché poi anche mentalmente se non hai il supporto fisico è difficile fare la differenza. Sta tornando ad essere quello che conosciamo. E’ dispiaciuto di questo periodo fatto sotto livello. Titolare domani? E’ da valutare, non è facile prevederlo dentro 90 minuti di partita però questo potrebbe anche voler dire che significa farlo giocare DALL’INIZIO e poi sostituirlo.

Poi Spalletti si è soffermato a parlare anche della situazione rinnovi in casa Inter, tra Skriniar e Icardi:

Qui dentro non c’è nessuna confusione, è tutto molto ordinato. Si fa di tutto per i risultati dell’Inter, togliendosi anche qualcosa a livello individuale.