Caso Icardi: come gestirlo al fantacalcio?

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

E’ stata una giornata intensa in casa Inter, ma anche per quei fantallenatori che al fantacalcio, in estate, avevano puntato tanto su Mauro Icardi. Non è più capitano, non ha risposto alla convocazione di Spalletti per la gara di Europa League contro il Rapid Vienna (leggi QUI) e soprattutto non sappiamo d’ora in poi che gestione dovremmo attuare con lui al fantacalcio.

Da una parte il valore del giocatore, indiscusso e indiscutibile, dall’altra la situazione, complicata e ombrosa. Ci vorrà tanta forza di volontà da parte del giocatore e tanta fiducia da parte di Spalletti per recuperarlo e dare ad un giocatore come lui la sicurezza di essere al centro di un progetto tecnico-tattico. Al di là di questo servono risposte in termini di bonus al fantacalcio.

E allora, la domanda si pone “quasi” da sola: come gestire Icardi al fantacalcio? L’unica vera risposta è la pazienza. Aspettare gli avvenimenti, le partite, le dichiarazioni e le reazioni. E puntare su un aspetto fondamentale che riguarda da vicino l’attaccante argentino: non può perdere tempo. Se la sua intenzione è e sarà quella di non rinnovare allora dovrà cercare di continuare a segnare prima che per l’Inter per se stesso.

Fantacalcio, come gestire il caso Icardi

Innanzitutto Icardi non potete pensare di scambiarlo (a meno di offerte folli) ma tenervelo stretto e puntare su di lui e sulla sua voglia di riscatto. Mancano 15 giornate alla fine della Serie A e del fantacalcio e lui dovrà continuare a segnare (o meglio riprendere) per dimostrare a tutti che Mauro Icardi, anche sotto pressione, sa dare il meglio di sé. Il carattere dell’argentino è forte e già varie volte in passato ha dimostrato il suo valore anche in situazioni di difficoltà. La storia insegna che Maurito non molla.

Il rovescio della medaglia però è dato dall’incertezza attorno a questa storia. Spalletti non ama le incomprensioni con i suoi giocatori di punta e tende alle punizioni anche forzate (come il caso Totti insegna). L’allenatore in conferenza stampa però ha fatto buon viso a cattivo gioco, minimizzando anche sulla decisione di Icardi di non prendere parte alla gara con il Rapid Vienna, nonostante la convocazione. Saranno tempi duri al fantacalcio per Icardi? Può essere, ma ci sentiamo di sbilanciarci: Maurito non la smetterà di segnare, fascia da capitano al braccio o meno (Wanda Nara permettendo).