Conferenze stampa 4^ giornata | Torino, Mazzarri: “Ci è successo di tutto in difesa: Djidji, Lyanco e Nkoulou…”

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Un nuovo turno di Serie A alle porte e lo fanno anche gli allenatori che, oltre a preparare tutte le gare, si apprestano anche a condividere nelle consuete conferenze stampa 4^ giornata tutte le informazioni utili per decifrare il probabile undici che scenderà in campo e qualche indicazione decisiva per i “colleghi” fantallenatori. Oltre alla probabili formazioni per scegliere la miglior formazione titolare al fantacalcio, sarà fondamentale anche dare un occhio alle parole dei protagonisti di giornata e leggere attentamente tutti i nostri consigli.

Ad aprire le danze delle conferenze stampa 4^ giornata è stato Maran. Attesa anche per le parole di Fonseca, Conte, Inzaghi e Giampaolo per cercare di capire qualche novità di formazione, soprattutto in chiave derby. Ecco allora tutte le conferenze stampa della 4^ giornata.

Conferenze stampa 4^ giornata, le parole degli allenatori

ATALANTA, GASPERINI

www.imagephotoagency.it

Ilicic? Ha bisogno di giocare se sarà stanco uscirà. Pasalic e Malinovskyi? Sono giocatori che danno alternative pronte. Muriel lo vedo meno quando entra, anche se giocherà una di queste partite. Ma non lo vedo pronto. Arana e Kjaer hanno fatto altri allenamenti, ma hanno bisogno di un ingresso graduale. Sono tutti giocatori che inizieranno ad entrare e giocheranno. Recuperiamo Castagne, è stata una perdita di 40 giorni. Non ci sono dei giocatori fermi”.

BOLOGNA, MIHAJLOVIC

www.imagephotoagency.it

In difesa Bani e Denswil ci sono, poi avremo nei prossimi giorni anche Danilo. Skov Olsen dalla prossima? Dirlo con certezza e prometterlo non mi va perché non fa parte della nostra mentalità. Di gara in gara mettiamo la formazione che secondo noi ci dà più garanzie. Inevitabilmente ci saranno delle alternanze ma non sono programmate. Roma? È una squadra di grandi qualità, hanno un allenatore di stampo internazionale, hanno voglia di dominare la partita e non hanno paura di difendere in spazi ampi. Come ha detto Mihajlovic in settimana, dovremo difendere bene ed essere resilienti, saper soffrire ed essere compatti. Stiamo mettendo in mostra qualità offensive e puntiamo a fare una grande partita”.

BRESCIA, CORINI

www.imagephotoagency.it

Balotelli? L’unico grande obiettivo è giocare contro l’Udinese, da lunedì vedremo. Tonali? Sta bene, credo i giocatori abbiano preso un paio di cartellini per qualche intervento. È un giocatore molto importante, mi ha chiamato il cambio più volte e sono stato costretto ad una sostituzione forzata. Il cambio di Donnarumma? Ve l’ho spiegato, in quel momento l’inerzia era cambiata. Ho preferito coprire l’ampiezza del campo con una punta che avrebbe allungato la squadra. Donnarumma, per come si era messa la partita, non ci avrebbe consentito ciò. Ma analizzando dopo la sfida lo rifarei. Spalek? Siamo un po’ corti a centrocampo per la squalifica di Dessena. Ho due opzioni, ho già scelto e domani vedrete”.

CAGLIARI, MARAN

www.imagephotoagency.it
“Devo fare delle valutazioni in base al tipo di partita che abbiamo. Contro il Parma è stata una partita dispendiosa, mi prendo le ultime ore per ragionare tra acciacchi e problemi vari. Castro titolare? Convive con qualche piccolo fastidio ma domenica si è fatto trovare pronto. Certo devo valutare tutto, anche la fatica, riguardo a tutti i giocatori. Castro-Birsa? Hanno caratteristiche diverse, uno più rifinitore l’altro più di raccordo. Klavan, Birsa e Ionita fuori? È una rosa ampia che dà grandi opportunità a me e al Cagliari, poi chi va in campo sa che deve andare forte. Ma se dovessimo andare a vedere ogni volta chi non gioca la domenica precedente…io vedo una sana competizione e tutti vogliono dare una grossa mano. Caso Lukaku? Gli episodi vanno condannati e siamo tutti d’accordo. Non penso che quegli episodi abbiano danneggiato la nostra tifoseria, dal campo non ho sentito nulla così come Conte. Nel nostro stadio non ho mai avvertito questo problema”.”

FIORENTINA, MONTELLA

www.imagephotoagency.it

Castrovilli? E’ un taciturno, molto scaltro. Ha lavorato bene come sempre. Rasmussen? Sta bene, ha cominciato ad allenarsi seppure non con la palla. Lo considero un centrale di difesa, è stato sempre con noi. Pedro sta meglio, sta lavorando. Ha avuto un infortunio importante, rispetto agli altri è un po’ indietro. Ci ho parlato della Primavera, lui ci ha pensato e ha accettato. Vedremo di volta in volta. Chiesa a centrocampo con l’inserimento di un attaccante? È una possibilità, fateci lavorare, un attaccante ci può far comodo anche in termini di equilibrio e credo che Federico possa fare quel ruolo”.

GENOA, ANDREAZZOLI

www.imagephotoagency.it

“Credo che la strada sia quella giusta. Credo che Schone e Radovanovic siano complementari e che uno giovi della presenza dell’altro. Quando abbiamo bisogno siamo disponibili a cambiare modulo e anche passare a difendere a 4. Ci alleneremo su più sistemi, perché una squadra deve poter perseguire più strade. “Non abbiamo nessun problema di ordine fisico. È normale commettere errori: da parte dei giocatori, degli staff e anche della stampa. Non so dare stime sul recupero di Sturaro, ma il suo iter procede bene e senza intoppi. “Ho trovato bene Saponara quando è entrato, ha dato quello che ci aspettiamo da lui e per questo sono soddisfatto. È una nostra arma in più e le sensazioni sono buone. Favilli ha le stesse possibilità degli altri. Ha completato il suo iter, è un altro rispetto a prima. Faremo valutazioni, ma è in condizione di dare un grande contributo”.”.

INTER, CONTE

www.imagephotoagency.it

Candreva? Se vogliamo essere sicuri, verso le sette saprete la formazione per filo e per segno. Aspettiamo l’allenamento (ride, ndr). Valuteremo e faremo le scelte migliori in base alle condizioni dei giocatori. Lukaku? Ha avuto un problema alla schiena, ma adesso sta bene. Alexis sta lavorando bene, secondo me sta facendo degli step importanti per avvicinarsi a essere considerato un titolare. Può aggiungere esperienza sia in campionato sia in Europa, ma può darci anche cattiveria agonistica. Adesso inizio a vedere qualche risposta che stavo cercando. Rispetto agli anni passati Brozovic, invece di avere solo uno al fianco, ora ne ha due e ha meno campo da coprire: parliamo di un ragazzo che ha avuto un ottimo inizio di campionato e che sta facendo bene. Sono contento di Brozovic, ha margini di miglioramento importanti: può diventare tra i più forti in assoluto. Lo conoscevo dalla tv, allenandolo vedo che ha potenzialità enormi: lo sta dimostrando e può farlo ancora di più. Lite Lukaku-Brozovic? E’ normale amministrazione, ma in altri club sono più bravi a gestire e proteggere certe situazioni, noi dobbiamo migliorare tanto, abbiamo un enorme spazio di crescita, anche fuori dal campo, dove ci sono grandissime lacune: dobbiamo colmarle insieme, senza rispondere con l’alibi degli anni passati. Cerchiamo di cambiare le cattive abitudini.”

JUVENTUS, SARRI

www.imagephotoagency.it

“Io sono molto contento di quelli che ho a disposizione: cercheremo di giocare calcio con qualche mia idea, ma senza andare contro le nostre caratteristiche. Le condizioni di Dybala? Se non lo avessi visto pronto non lo avrei messo in campo in un momento decisivo della partita con l’Atletico. Non è al top della condizione, ma è in grado di giocare e di darci una mano. La specializzazione di Bernardeschi in futuro è più da centrocampista che da attaccante esterno. Poi io ora ho 7 centrocampisti per tre posti, perciò gli ho chiesto di proseguire come esterno. Ancora non ha inciso nelle partite per le qualità che ha, sia tecniche che fisiche non indifferenti: cercheremo di farlo crescere e di fargli assumere una personalità per farlo rendere al meglio in campo, cosa che non sempre riesce a fare. È compito suo, mio e della società per rendere di più. CR7? Nell’ultima partita ha toccato molti più palloni, poi contro l’Atletico è più difficile tirare in porta. Poi da lui ci si aspetta sempre qualcosa di eccezionale: Può crescere ancora, così come altre individualità. Le condizioni di Douglas Costa? Ha fatto benissimo in questo inizio di stagione. Veniva da una lunghissima serie di infortuni e di inattività, era uno dei giocatori su cui facevo più affidamento ed era destinato a crescere. Ci sarà un primo controllo nei prossimi giorni, è un infortunio muscolare perciò dovrà necessariamente stare fuori qualche partita. Riposo ad Alex Sandro e Danilo a sinistra? È un’opzione. Stiamo aspettando De Sciglio perché ci potrebbe risolvere diversi problemi, non siamo in una situazione straordinaria a livello di esterni difensivi. Vedremo se abbassare Cuadrado o se tornerà De Sciglio. Ramsey ha fatto passi in avanti importanti, ma anche Rabiot si sta risollevando dopo aver cominciato indietro. Ci sarà spazio per entrambi: vedremo dopo l’allenamento se sarà subito o più avanti. In questo momento il ruolo di Matuidi per noi è importantissimo, perché legge le situazioni muovendosi tra il 4-3-3 e il 4-4-2 in fase difensiva, ma parliamo di due ragazzi che non parlano italiano e arrivano da campionati diversi“.

LAZIO, INZAGHI

www.imagephotoagency.it

“A Ferrara hanno giocato Parolo e Caicedo al posto di Milinkovic e Caicedo e sono due giocatori che io considero due titolari. Patric ha giocato perché Luiz Felipe non stava bene: l’ho tolto perché era ammonito e rischiavamo di rimanere in dieci. In Romania hanno giocato Berisha che è un giocatore importante, Jony che ha fatto bene e Bastos, su cui ho tanta fiducia quest’anno. Più che parlare di turnover, bisogna parlare dei cali di tensione e attenzione. C’è delusione per queste due sconfitte ma c’è anche tanta fiducia. Voglio che la mia Lazio riparta con molta voglia e motivazione. Bisogna mantenere l’umiltà che abbiamo sempre avuto. Da che in estate nessuno parlava di noi, dopo due partite eravamo diventati tutti fenomeni, mentre ora siamo tutti polli. Bisogna mantenere equilibrio”.

LECCE, LIVERANI

www.imagephotoagency.it

“Al momento sono indisponibili soltanto Meccariello e Dell’Orco, mentre Fiamozzi è fuori lista e sta recuperando. Babacar titolare? Sta crescendo e per fare tutto al meglio deve essere spronato. Certamente è un’idea quella di schierarlo dall’inizio, ci sarà spazio per tutti, e Mancosu? Sì, anche lui potrebbe giocare in attacco. Vedremo. Le condizioni di Imbula? Sta migliorando e crescendo. Lui, ad esempio, per condizione non può ancora giocare titolare. Shakhov trequartista? Può fare quel ruolo, perché ha grande intelligenza. E soprattutto sta trovando empatia”.

MILAN, GIAMPAOLO

www.imagephotoagency.it

Paquetà? Nessun confronto e nessun nervosismo, a voi piace ingigantire. Perché c’è il derby, ma vi assicuro che non è stato niente di clamoroso. Partita di Biglia? È un giocatore esperto che sa giocare le partite. Domani dobbiamo giocare in undici e in quattordici con i cambi. Gioca Conti, è un’opportunità. Si allena bene ed è sempre attento. È cresciuto rispetto a qualche mese fa. In fase difensiva sa che deve migliorare. Domani ha l’opportunità di dimostrare come sta. Non va in guerra, va a giocare una partita di calcio. Rebic dal primo minuto? Ha volontà, è un ragazzo che è venuto con entusiasmo. Praticamente si è allenato con noi questa settimana, ma ha l’entusiasmo giusto. Sono tanti gli uomini spogliatoio, quelli che sono arrivati negli anni passati sono tutti leader. Donnarumma è tra questi”.

NAPOLI, ANCELOTTI

www.imagephotoagency.it

 

PARMA, D’AVERSA

www.imagephotoagency.it

Karamoh? Per come sono fatto io in passato non lo avrei fatto nemmeno allenare. Un allenatore deve fare tesoro delle proprie esperienze. Yann è giovane, fa parte dell’età e credo nella buona fede dove ha problemi fuori campo. Il mio dispiacere è che si è chiuso in sé stesso perché un allenatore vede i calciatori come figli e io sono disposto ad aiutarlo in tutto e per tutto. Karamoh è molto fortunato che ha un grande gruppo alle spalle, è un giocatore tatticamente che preferisce la libertà e detto questo dipenderà molto da lui perché ha qualità importanti. Un allenatore che fa scelte contro sé stesso non esiste, le fa per il bene della squadra. Scozzarella ha fatto la rifinitura con la squadra dopo essersi allenato anche ieri ed è a disposizione. La Lazio viene da due partite in cui ha avuto due risultati penalizzanti ma in cui ha controllato le gare”.

ROMA, FONSECA

www.imagephotoagency.it

“Domani non vi sembrerà nuovo, invece, ma giocheranno Veretout e Cristante. L’utilizzo di questi giocatori dipende dalla fase di gioco e dal sistema dell’avversario. Condizioni Mkhitaryan? Sta bene fisicamente ed è arrivato in ottime condizioni. Aveva giocato con l’Arsenal. Quella contro il Sassuolo è stata la prima partita e c’erano state poche occasioni per allenarci insieme. Il suo margine di miglioramento è notevole. Smalling? Dopo la partita in Europa ha ripreso ad allenarsi con noi, ma non è al top. Ho optato per un allenamento personalizzato in questi giorni per averlo al top contro l’Atalanta. Kolarov ha sempre giocato, ma non possiamo risparmiare tutti. Vedremo domani se sarà del match oppure no. Spinazzola alternativa a destra? Si finora l’ho utilizzato a destra, ma può essere un’alternativa a sinistra. Per ora abbiamo dovuto ragionare anche con l’infortunio di Zappacosta”.

SAMPDORIA, DI FRANCESCO

www.imagephotoagency.it

Maroni ancora out? Si allena ancora a parte. Ci alleniamo tutti i giorni e dobbiamo essere concentrati sul nostro lavoro. Io in primis. Non ci dobbiamo rifugiare dietro i problemi che ci sono. A Sassuolo abbiamo fatto bene, non dobbiamo perdere la continuità. Ripartiamo da quei buoni minuti che non sono stati tanti ma dobbiamo farli aumentare”. 

SASSUOLO, DE ZERBI

www.imagephotoagency.it

“Marlon non sarà a disposizione. Djuricic non lo era neanche a Roma. Bourabia non ci sarà. Magnanelli rientra e partirà dalla panchina. Sulle scelte dico di no, non ci saranno scelte condizionate, siamo concentrati sulla gara di domani, poi vedremo per il Parma. Berardi? Quest’anno è un po’ più lucido, più fortunato, sta giocando vicino alla porta. Il gol non gli è nato adesso, lo ha sempre avuto. Deve mantenere quello che ha fatto tutto l’anno scorso, essere importante con e senza palla. Lui è avvantaggiato dalla presenza di Caputo ma lo ha fatto anche a Roma o con la Samp, deve lavorare per la squadra. Berardi ha qualità infinite e non deve limitarsi a qualche parte delle sue qualità. Lui e Caputo possono fare meglio, possono essere più bravi a leggere delle situazioni in pressione ma questo è un lavoro che verrà col tempo. Toljan? E’ un calciatore forte che ha pagato l’inizio per una questione di lingua, di adattamento a un altro ambiente. Anche in allenamento aveva fatto bene. Così come Muldur che ha un altro carattere, è entrato subito in maniera più forte rispetto a Toljan ma sono due giocatori forti”.

SPAL, SEMPLICI

www.imagephotoagency.it

Ruolo Di Francesco? Abbiamo preso dei giocatori che possono ricoprire più ruoli. Lui è un ragazzo che ha caratteristiche offensive. In questo momento lo ritengo più un attaccante esterno. Ha grande qualità, può e deve fare gol. E’ un giocatore importante per l’equilibrio della squadra e ora lo utilizzo in quella posizione proprio per questo motivo. Strefezza titolare? Gabriel è una carta che voglio piano piano utilizzare. Si tratta di un ragazzo che ci potrà dare molto. Lo stesso varrà per Igor e gli altri ragazzi giovani, che sono altrettanto in crescita. Sala dal 1′? Quando è arrivato non aveva una condizione ottimale. Ora ci conosce meglio e noi conosciamo meglio lui. Sicuramente si sta avvicinando ad avere una situazione fisica che ci permetterà di averlo negli undici iniziali. Quindi valuteremo se schierarlo”.

TORINO, MAZZARRI

www.imagephotoagency.it

Difesa? il reparto difensivo ha avuto tante assenze: c’è chi è tornato in ritardo dalle Nazionali quest’estate ed è normale non essere al top. In difesa ci è successo un po’ di tutto, anche Djidji si è dovuto operare e abbiamo dovuto accelerare il suo rientro. Lyanco si è fatto male due volte, il discorso di Nkoulou lo sapete. Chi ha fatto tutta la preparazione sono Izzo e Bremer, per il resto abbiamo dovuto correre dei rischi. Questa può essere la spiegazione, ne risente tutta la squadra. Nkoulou? Fossimo stati in emergenza, lo avrei portato. Vi dico due numeri: si è allenato in disparte 23 giorni, non può avere la condizione ottimale. Da cinque giorni è tornato con noi, ho ritenuto che si allenasse con Ansaldi oggi e che lunedì facesse la partitella. Se farà quello che spero che faccia, dovrei convocarlo con il Milan. Lyanco? Sta bene, ma ciò che dovevamo fare con lui durante le amichevoli estive lo stiamo facendo ora. Non possiamo sapere il suo minutaggio, ma se giocherà dall’inizio probabilmente dovrà essere sostituito”.

UDINESE, TUDOR

www.imagephotoagency.it

“Troost Ekong e Okaka? Si sono allenati tutta la settimana, vedremo come utilizzarli. Vengono da delle problematiche e dobbiamo valutarli bene perché ci aspettano tante partite ravvicinate, ma domani saranno con la squadra. La cosa importante è che ci siano. Senza De Paul chi gioca? Darò un’opportunità ad altri giocatori. In passato abbiamo fatto ottime partite anche senza Rodrigo, sono convinto che questo possa succedere anche domani contro il Brescia. Samir? E’ recuperato, non aveva nulla di che, era solo stanco…”

VERONA, JURIC

www.imagephotoagency.it

“Turnover? Con la Juventus gioca chi sta bene. Di Carmine? Giocherà lui sicuramente, ha dimostrato di stare bene e di avere qualità per giocare in Serie A. Sa calciare bene, attacca la profondità e si muove bene negli ultimi metri. Deve dimostrare che può replicare in A quello che ha fatto in B. Ma ha le caratteristiche giuste per una prima punta. Il punto debole della Juventus sono le palle alte? Non credo, l’Atletico l’ha punita su palla inattiva perché è forte di testa, di certo noi abbiamo preparato qualcosa, ma non credo sia il loro punto debole. Pazzini? Ho pensato di schierarlo, ma non sta bene. Pensavo fosse più avanti e invece non è così”.

 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!