Conferenze stampa 1^ giornata | Conte: “Rispetto Icardi, ma sapete la nostra linea! Lukaku con Lautaro…”

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Dopo un’estate di attesa, finalmente la Serie A torna in campo e lo fanno anche gli allenatori che, oltre a preparare tutte le gare, si apprestano anche a condividere nelle consuete conferenze stampa 1^ giornata tutte le informazioni utili per decifrare il probabile undici che scenderà in campo e qualche indicazione decisiva per i “colleghi” fantallenatori. Oltre alla probabili formazioni per scegliere la miglior formazione titolare al fantacalcio, sarà fondamentale anche dare un occhio alle parole dei protagonisti di giornata e leggere attentamente tutti i nostri consigli.

Ad aprire le danze delle conferenze stampa 1^ giornata è stato Montella. Attesa anche per le parole di Fonseca, Conte e Giampaolo per cercare di capire qualche novità di formazione. Per Sarri dobbiamo ancora aspettare: al suo posto ci sarà Nedved. Ecco allora tutte le conferenze stampa della 1^ giornata.

Conferenze stampa 1^ giornata, le parole degli allenatori

ATALANTA, GASPERINI

www.imagephotoagency.it

Abbiamo Ilicic e Castagne fuori. Domani è una partita particolare, arriviamo con le motivazioni giuste. Sarà importante l’approccio. In avanti abbiamo più soluzioni. Non abbiamo un’alternativa ad Ilicic, anche come caratteristiche. Può giocare il Papu o anche altri. Zapata gioca, Muriel partirà dalla panchina, ha avuto un po’ di febbre. Skrtel è arrivato tardi, ma ci darà una mano. Sarà utile anche lui. Domani non vengono Reca e Pessina, perché c’è il mercato aperto, sono tutti ragazzi che possono andar via. C’è anche il discorso di Barrow, di Ibanez, riguardano un po’ tutte le società. Il mercato aperto ad inizio campionato è una follia”.

BOLOGNA, MIHAJLOVIC

www.imagephotoagency.it

Parla il vice: MIhajlovic? È sempre presente, segue ogni gara ed ogni seduta di allenamento, è sempre uno stimolo in più. Si raccomanda sull’atteggiamento e sull’approccio alla gara, lui preme tantissimo su questo aspetto è la concentrazione della partita in Coppa ne è la prova. Abbiamo guardato la loro partita di Coppa Italia e siamo consapevoli dei loro punti di forza e delle loro debolezze. Poi la squadra è lo specchio del suo allenatore, perché Juric ha un gioco e una personalità precisa. È agguerrita è organizzata dal punto di vista tattico. Giocano con il 4-4-1-1, che è un po’ il suo marchio di fabbrica. Dzemaili? È rientrato anche lui, ed è un altro nodo da sciogliere. L’unico su cui possiamo sbilanciarci è Schouten, che è disponibile ma ha fatto pochi allenamenti con la squadra è avrà bisogno di qualcuno in più. Sansone? È disponibile come lo sono tutti. Domani mattina valuteremo. Palacio non dà punti di riferimento, Destro è un giocatore completo e anche Santander è sempre utile“.

BRESCIA, CORINI

www.imagephotoagency.it

“Avremmo voluto iniziare questa esperienza in maniera diversa, ma ne prendiamo atto. Siamo pronti ed entusiasti di iniziare questa nuova avventura. Sarà importante dare continuità al lavoro. Metteremo in campo la nostra identità senza modificare il nostro stile di gioco. Dopo le prime due gare dovrò fare delle valutazioni, potrebbe cambiare l’abito tattico in base alle funzionalità dei giocatori, considerando che è arrivato pure un giocatore di grande importanza e valore come Balotelli. Ho parlato con Mario quando è arrivato, l’ho trovato motivato. Cercherò di far sì che sia funzionale a ciò che abbiamo in testa. ha grandissime motivazioni, ora vogliamo e dobbiamo dargli la normalità di cui ha bisogno. Gli ho detto che dietro ogni cosa bella c’è un sacrificio. Paghiamo un po’ i 120′ in Coppa Italia, ma bisogna saper fronteggiare anche le difficoltà e dalla nostra abbiamo un grande entusiasmo”.

CAGLIARI, MARAN

www.imagephotoagency.it

“In questo momento abbiamo una gran voglia di iniziare. Cagliari deve vivere un anno coi fiocchi. Ho una squadra molto competitiva, dobbiamo dimostrarlo in campo. Sono arrivati giocatori che hanno alzato il tasso tecnico. Domani esordiamo in campionato e siamo concentrati su questo. Il materiale c’è, è un piacere allenare questa squadra e spero che faremo divertire i tifosi. Formazione? Mi tengo sempre qualche margine di dubbio per l’ultima notte ma ho le idee chiare. Nainggolan probabilmente giocherà di nuovo da play. Nandez è arrivato da poco. Come condizione è a posto anche se deve abituarsi al caldo. Avrebbe bisogno di qualche allenamento in più ma può essere occasione per vederlo in campo e magari dal primo minuto. Castro? È tornato in gruppo mercoledì. Me lo porto sicuramente in panchina. Pinna? È possibile che parta titolare, vedremo”.

FIORENTINA, MONTELLA

www.imagephotoagency.it

“La società sta lavorando benissimo. Sono arrivati giocatori certi come Pulgar e Badelj anche se avrebbero bisogno di esterni diversi, ci stiamo lavorando. Servono esterni più difensivi. Siamo estremamente in costruzione. Ribery? E’ indietro ma mi ha convinto alla prima parola. Ha voglia di essere competitivo e dare una mano ai giocatori. Io lo porterò e spero che ci sia la possibilità di farlo giocare. Vlahovic ha la mia stima. A me piace che il 9 faccia gol, se non può farli il 9 devono farli gli esterni. Napoli? E’ la squadra che ha cambiato, fanno in media 80 tiri a partita. Noi siamo comprensibilmente indietro nella costruzione della squadra. Serviranno tutte le energie e la concentrazione per affrontare un grande avversario. E’ una partita difficile perché se penso alle statistiche dei gol del Napoli mi viene un po’ di mal di testa. Lirola? Sta meglio, lo valuteremo”.

GENOA, ANDREAZZOLI

www.imagephotoagency.it

“Veniamo da 12 sconfitte consecutive contro la Roma fuori casa. I numeri a volte sono impietosi ma a volte anche amici. Quindi andiamo ad affrontare una gara senza nessun carico particolare rispetto al passato. Cercheremo di far il meglio possibile consapevoli che di fronte abbiamo un ambiente particolare contro una squadra con grandi potenzialità e grosse aspirazioni. Gli indisponibili sono quelli già confermati negli ultimi giorni. Solo Capitan Criscito ha avuto un lieve attacco febbrile, per il resto la rosa è al completo. Da stamattina sta bene e lavora con i compagni. Non ho dubbi per domani”.

INTER, CONTE

www.imagephotoagency.it

“Mercato? Credo che sia giusto che ne parli la società. Da parte mia nei confronti dei dirigenti e da parte loro nei miei c’è grande chiarezza e c’è un grande rapporto di stima reciproca, quindi sono contento di ciò che stiamo creando. Io ho sempre detto che nella nuova sfida volevo sentire di avere anche una minima possibilità di poter competere per la vittoria. Penso che qui stiamo lavorando nella giusta maniera, stiamo costruendo qualcosa di importante. Ciò che posso dire è che la rincorsa è iniziata. Devo essere obiettivo e dire che sicuramente c’è un gap molto importante nei confronti di due squadre, Juventus e Napoli. Icardi? Io ho grande rispetto nei confronti di tutti. Ciò che posso dire è che da parte mia non c’è nessuna turbativa. Stiamo lavorando in maniera seria e non ci sono situazione di disturbo. Sapete benissimo che linea è stata presa nei confronti del giocatore e ripeto, da parte mia non vedo nessuna turbativa. Esordio col Lecce? a Lecce sono nato e il Lecce ce l’ho nel cuore. Il sorteggio è stato particolare ma sono contento di affrontare il Lecce perché vuol dire che è in Serie A. Vengono da due anni straordinari e saluterò tanti amici. Sarà una bella partita, ma inevitabilmente domani saremo avversari. La squadra? Romelu è arrivato carico di entusiasmo, è un ragazzo solare, che si è fatto ben volere sin da subito dal gruppo. Si è messo totalmente a disposizione e questa è la cosa più bella. Sta lavorando duramente anche lui, è arrivato dopo un periodo in cui era ai margini allo United, quindi gli allenamenti non sono al 100%. Ha grandi margini di miglioramento, ho un potenziale enorme, ha solo 26 anni. L’ho provato in coppia con Lautaro, con Politano e con Esposito: sono contento della sinergia che sta nascendo tra questi giocatori. Abbiamo giocatori di prospettiva in rosa come Esposito, Pirola e Agoume. C’è un buon gruppo di giocatori, devono migliorare tutti se vogliamo ambire a qualcosa di importante. C’è grande disponibilità da parte loro e io sono contento di essere il loro allenatore”.

JUVENTUS, NEDVED

www.imagephotoagency.it

“Paratici ha fatto un grandissimo mercato, sta facendo grandi cose. Operazioni importanti come Demiral, Danilo. In uscita Kean. Non siamo a mercato chiuso, strada facendo coglieremo delle occasioni se ci saranno per noi e per i nostri giocatori. Vi porto il saluto di Maurizio Sarri, che ha la polmonite. Per la nostra società sono stati fatti dei cambiamenti importanti. Abbiamo cambiato staff tecnico e medico, siamo convinti delle nostre scelte e siamo convinti che avremo risultati in futuro. La Juventus è stata di sacrifici e vuole vincere anche quest’anno. Sarri sta svolgendo un grosso lavoro, siamo molto contenti. Malgrado le ultime difficoltà, la squadra lo sta seguendo. Si stanno formando le idee che vuole Sarri da parte dei giocatori. Come sta il mister? E’ un grandissimo lavoratore, vorrebbe stare nel suo ufficio tutti i giorni. Evidentemente ci sono delle difficoltà, le abbiamo già vissute con Conte nella stagione 2012-13. Sappiamo a cosa andiamo incontro. Come ogni anno è formata da 24-25 elementi, c’è concorrenza e loro lo sanno. Ognuno deve fare il professionista, allenarsi bene e rendere quando l’allenatore lo chiamerà. Icardi? Non sono qui per parlare di giocatori di altre squadre. Purtroppo il mercato è ancora aperto e a nessuno di noi piace non avere certezze quando si comincia a giocare. Ma non parlo di singoli. Dybala non può mai essere un problema perché è un grandissimo giocatore. Maurizio lo sta usando come centravanti e lo sta facendo molto bene, ha fatto un ottimo precampionato pur partendo dopo gli altri. Rabiot? Non mi ha stupito. In passato l’abbiamo seguito tanto, ci piaceva molto come giocatore e Fabio è riuscito quest’anno a portarlo da noi con un lavoro che è durato tanto tempo. Sarà un giocatore importante, ma dobbiamo pensare che non ha giocato tanti mesi e anche lui avrà bisogno di tempo per inserirsi. Higuain è un giocatore della nostra rosa, è un giocatore forte, se dico uno dei due o tre centravanti migliori del mondo non sbaglio. Ha tutto, fisico, velocità, tecnica e tanti gol. Siamo contenti che sia con noi. Poi lui conosce già Sarri e avete visto che ha fatto un precampionato molto positivo. Abbiamo riunito Alex Sandro e Danilo dopo tanto tempo e siamo contenti di averli. Douglas Costa è un giocatore che mi piace molto e spero faccia un’ottima stagione perché il suo potenziale è tantissimo, molto molto di più di quello che ha fatto vedere fino ad adesso”

LAZIO, INZAGHI

www.imagephotoagency.it

Non ci saranno Wallace, Jony e Lukaku, che oggi si è allenato bene. Caicedo e Leiva hanno svolto l’intera seduta, ho avuto riscontri positivi. Ho dei dubbi su chi far giocare come play. Può giocare Leiva o Parolo, oppure Cataldi come ho provato ieri. Lazzari ha dato grandissima disponibilità, ma devo valutare. Milinkovic? Per noi è un giocatore molto importante. Ha fatto 35 giorni straordinari, poi è stato frenato da un infortunio all’anca. Se domani mi darà garanzie penso che possa partire dal 1′. Probabilmente Caicedo prossima settimana rinnoverà il contratto, poi ci sono Adekanye e Anderson che in questo mese e mezzo mi hanno colpito. Hanno lavorato bene”.

LECCE, LIVERANI

www.imagephotoagency.it

“Contro la Salernitana abbiamo provato il 3-5-2 per pochi minuti. Non ci snatureremo contro chi avremo di fronte, servirà coraggio per difendere e ripartire. Serve umiltà e saper soffrire. Sono curioso di vedere la squadra. Prima a San Siro? Rispetto alla prima volta questa l’ho conquistata sul campo, c’è grande differenza col passato. Ho più esperienza e ho maggior consapevolezza del mio ruolo. Shakhov, come Mancosu e Benzar, sono a posto. Sono recuperati e ci daranno ulteriori opzioni. Differenze? La condizione fisica, se diversa, può farlo. Ma non credo che tra noi e l’Inter ci sia tale differenza. Poi ci sono anche gli episodi… Noi daremo tutto. Chi temo dell’Inter? Ce ne sono tanti. Da Skriniar a Lukaku e Brozovic. Ma noi scenderemo in campo tranquillamente”.

MILAN, GIAMPAOLO

“Le partite amichevoli che abbiamo giocato sono state sempre diverse. Sono state sei partite tutte utili. Ci sono state delle difficoltà, ma fa parte del percorso di lavoro e di apprendimento. La cosa che mi rende sereno è che i calciatori sono attenti e mi seguono, non possiamo che migliorarci ancora. Essere al Milan? Per me è un sogno. Ho bisogno di tempo per affinare delle sintonie e un modello di gioco che comunque portiamo avanti, anche di fronte a eventuali difficoltà. Bennacer? Può darsi che gli possa dare uno spezzone di partita, ma vado verso quelli che per ora mi danno garanzie. Gioca chi sta meglio! Su Suso ho espresso un parere tecnico e mi limito a quello. Ha giocato sempre esterno, e anche io avevo qualche dubbio all’inizio. Però il calciatore mi ha dato ampia disponibilità e non mi ha dato mai problemi. I giocatori forti offensivi possono giocare ovunque. Suso sono felice che resti, ma può succedere di tutto. Piatek ha caratteristiche particolari, è un giocatore più di profondità che di palleggio, e giocare con un giocatore accanto può togliersi di dosso tante pressioni. In alcuni parametri ha manifestato un livello di fatica più alto rispetto agli altri, e deve smaltire le tossine. Rigorista? E’ Piatek, ci sono stati casini con i rigoristi al Milan negli anni passati”.

NAPOLI, ANCELOTTI

www.imagephotoagency.it

Milik ha provato stamattina, ma sente ancora fastidio, s’è allenato poco dopo Ferragosto e quindi preferiamo lasciarlo qui a lavorare. Per il resto la squadra sta bene ed è motivata. Lozano non ci sarà. Deve allenarsi, poi deve risolvere degli aspetti burocratici. Lo avremo dalla prossima a Torino. La crescita è legata al miglioramento dei giocatori, delle idee che abbiamo mostrato solo in parte l’anno scorso. Fabian e Zielinski avranno più esperienza, a centrocampo abbiamo giocatori di alto livello e lì possiamo fare i miglioramenti più grossi. Fiorentina molto pericolosa, soprattutto in contropiede con Chiesa. Ha cambiato molto, è nuova, e soprattutto giocheremo in uno stadio con grande entusiasmo con la nuova proprietà e nuovi giocatori. Vogliamo vincere, ma servirà attenzione”.

PARMA, D’AVERSA

www.imagephotoagency.it

Kucka stamattina ha svolto l’allenamento con la squadra ed è convocato ma è impensabile un debutto dall’inizio. Anche Grassi è da valutare, dovremo stare concentrati. Noi possiamo incidere solo sulla nostra prestazione, non avere Kucka e forse Grassi dispiace. In molti esordiranno domani, da Hernani a Brugman. La Juventus è fortissima, non pensiamo di avere vantaggi. Kusulevski? Rispetto a Karamoh è diverso. Non ha difficoltà ad agire tutta fascia, in questo momento incide di più la condizione, ma non è una scelta definitiva. La condizione nostra sarà determinante, tra noi e la Juve c’è un gap importante ma fa piacere che ci sia una buona sensazione, anche se deve esserci la consapevolezza che affrontiamo una squadra più forte. Dovremo andare oltre al 100%”.

ROMA, FONSECA

www.imagephotoagency.it

“Sono sicuro che la squadra sia cresciuta. Poi è evidente che abbiamo affrontato partite di livello diverso. Sento che la squadra sta crescendo e arriviamo pronti alla prima partita. C’è comunque ancora molto da lavorare. Sono stato molto felice della sua permanenza. Dal primo giorno che sono arrivato ero fiducioso che sarebbe rimasto. Il suo rinnovo era un mio desiderio. Ho sempre creduto che sarebbe rimasto ed è molto importante per la squadra. Mancini, invece, è giovane e sta crescendo bene. Era abituato a una difesa diversa, si sta adattando e domani la coppia di centrali sarà Fazio-Jesus. Veretout? Nonostante non sia nelle migliori condizioni sarà convocato. Se lo riterrò opportuno lo schiererò. Cristante ha fatto un grande pre-campionato e domani partirà titolare. Pellegrini e Diawara sono arrivati dopo ma si stanno adattando. I due mediani avranno un ruolo fondamentale nel mio gioco, ma avrò sempre difficoltà nel sceglierne solo due. Cetin? E’ stata un’opportunità. Il club lo aveva notato, ma è un giocatore per il futuro”.

SAMPDORIA, DI FRANCESCO

Quagliarella? E’ un giocatore indiscutibile dal punto di vista tecnico. Lui si è messo a grande disposizione. Sono convinto che farà tanti gol anche quest’anno. L’aspetto più importante è che si sta mettendo a disposizione di questa squadra, è in progressione dal punto di vista fisico ma non è ancora al top. Jankto? Non è al meglio ma ha recuperato i postumi dal problema al polpaccio. E’ a disposizione ma valuterò domani se farlo giocare dall’inizio. Vieira? Lo vedrete sicuramente insieme a Ekdal qualche volta. Ha caratteristiche per fare mezzala e play e a me piacciono questi giocatori duttili. Ramirez-Gabbiadini? Il primo ha avuto un problemino negli ultimi giorni. L’ho convocato ma lo valuterò domattina. Ho convocato Bahlouli, giocatore giovane interessante, e Leris. A gara in corso alternative ne ho”.

SASSUOLO, DE ZERBI

www.imagephotoagency.it

“Abbiamo un centrocampo con diverse qualità. Spero che questo sia l’anno di Locatelli, punto tantissimo su di lui. E’ maturato molto rispetto all’anno scorso, si sta completando e gli manca l’ultimo step per arrivare a fare il salto. Ha tutto e deve completarsi. Questa è una mia investitura ma sarà il campo a dire se giocherà. Mi aspetto tanto da lui ma anche da Rogerio o da Caputo, con quest’ultimo che non deve dimostrare nulla. Ha già fatto tanto, l’allenatore stravede per lui. Chi è arrivato è forte, da Toljan a Obiang che è un valore assoluto per noi e riuscirà a colmare il gap di fisicità. Caputo si addice al 100% a noi, Traorè è un talento purissimo ma manca ancora qualcosa. Raspadori rimarrà con noi tutto l’anno. Stravedo anche per lui, penso che possa avere un futuro molto importante, poi è chiaro che bisogna capire come finirà il mercato ma rimarrà qui. Bisogna capire chi arriverà, per stabilire se sarà centravanti o esterno ma è un giocatore intelligente. Io lo vedo più centravanti, è un giocatore completo. Un ragazzo top, è un Magnanelli 18enne. Giocheremo con la difesa a 4 perché non abbiamo ancora provato la difesa a 3 con i tre difensori, con i due difensori e il centrocampista può essere”.

SPAL, SEMPLICI

www.imagephotoagency.it

“Abbiamo un obiettivo che è la salvezza e vogliamo raggiungerla a tutti i costi, in un modo o nell’altro. È arrivato Tomovic e siamo contenti, è un giocatore di grande esperienza che può aiutarci. Seppur sia consapevole che manchi ancora qualche tassello per completare la squadra, non sono per nulla ansioso perché Vagnati sta lavorando a pieno regime. Ho sempre dato la piena disponibilità nell’attendere il completamento della rosa, senza mettere fretta a nessuno. Ripeto: è fondamentale concentrarci sui match. Igor terzino? È una possibilità vista la fisicità dell’Atalanta, ci abbiamo lavorato. Floccari si allena normalmente da due o tre giorni, il dolore che aveva è passato, è tra i possibili titolari. Murgia o Valoti? A centrocampo siamo completi, ho giocatori che mi danno grandi garanzie, le scelte sono facili, chi gioca gioca so che si farà trovare pronto, so di avere ragazzi di grande valore”. 

TORINO, MAZZARRI

www.imagephotoagency.it

Belotti? Gli ho appena parlato e nemmeno mi ha accennato di problemi fisici, do per scontata la sua presenza. Abbiamo solo due allenamenti per preparare la sfida contro il Sassuolo, ai ragazzi ho chiesto di resettare per il momento e di concentrarsi solo su domani perché sappiamo che il Sassuolo è una squadra molto agguerrita, che si è rinforzata. Alcuni di questi nuovi giocatori ci hanno dato molto fastidio un anno fa ad Empoli cercheremo di prenderci una rivincita sull’ultima sconfitta. Abbiamo bisogno di tutti e cerchiamo di fare bene a prescindere dalla partita di Coppa poi da lunedì ci penseremo di nuovo“.

UDINESE, TUDOR

www.imagephotoagency.it

Lasagna con Nestorovski? Li vedremo anche insieme, sicuro. I giocatori forti devono giocare. Quando e dove vedremo ma come dice il maestro Ancelotti, in primis serve equilibrio di squadra. Non possiamo far giocare sempre tutti quelli forti, serve equilibrio ma avranno il loro spazio, tutti. Quanto, lo vedremo durante l’anno. Pezzella? Vediamo oggi cosa scegliere, non voglio dare vantaggi ad altri. Giuseppe è un giocatore straordinario, dell’Udinese, domani c’è una partita e oggi valutiamo nella rifinitura cosa scegliere. Poi… Ci sono dieci giorni di mercato ma ho massima fiducia nella società. Ken Sema? Sono molto contento: è un giocatore che mi piace. Si tratta di un professionista che ogni allenatore vuole e ha tutte le caratteristiche che mi piacciono. Può essere utilizzato in più ruoli, ci dà possibilità di pensare a vari modi di giocare dall’inizio o durante la partita”. 

VERONA, JURIC

www.imagephotoagency.it

“Pazzini è un ragazzo splendido, il nostro capitano, il giocatore più amato e si allena benissimo, però io non l’ho visto in condizioni non ottimali sia per questioni di età che per problemi fisici. Ora per lui abbiamo creato uno speciale sistema di allenamento con il quale contiamo di averlo al massimo. Al momento però io e il mio staff non riteniamo possa giocare come titolare in Serie ASalcedo? Arriverà a Verona per darci una mano ma non è l’attaccante di cui abbiamo bisogno. Bessa è infortunato, mentre Amrabat e Adjapong saranno convocati. Domani a centrocampo punterò comunque su Henderson: Sofyan è il giocatore che per caratteristiche più si avvicina a Badu, ma si è allenato troppo poco per schierarlo. Tutino falso nueve? È un’opzione credibile”.

 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!