Asta Fantacalcio | I 5 giocatori da svincolare

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Campionato ancora in corso e fantacalcio che si focalizza su due fronti: asta e Serie A. Se da una parte si aspetta la chiusura della 22a giornata di Serie A per capire se sarà vittoria, sconfitta o pareggio dall’altra si aspetta l’asta fantacalcio per tentare di risollevare le proprie sorti. Si leggono e studiano tutti i consigli fantacalcio possibili ed immaginabili per cercare di dare una risposta ai propri dubbi.

Chi prendere, ma soprattutto chi svincolare. Quest’ultimo è il dilemma che attanaglia maggiormente i fantallenatori, alle prese con l’asta fantacalcio, perché è da quei giocatori il cui rendimento non è ai soliti livelli prestazionali che si decidono le sorti dell’asta di riparazione. E poi diciamoci la verità: se si vuole puntare ai nomi grossi… bisogna pensare di svincolare anche i giocatori pagati di più. In qualche modo gli Emiri delle vostre leghe, che con il trasferimento in Premier di Higuain si sono ritrovati con un pozzo di fantacrediti, devono essere fermati.

Ecco allora i nostri cinque nomi da svincolare per liberare un posto nelle vostre fantasquadre. Giocatori che all’asta fantacalcio di giugno avete pagato tanto e che non hanno reso come ci si aspettava. Delusioni di metà stagione sacrificabili per “Il Bene Superiore”: la vittoria.

Asta Fantacalcio, cinque giocatori da svincolare

Pastore (Roma): arrivato in Italia accolto come un figliol prodigo. Si è rivelato un flop, per ora. Pochi bonus e tutti concentrati nelle prime giornate. Poi gli infortuni e una continuità mai trovata. All’asta fantacalcio va svincolato non tanto perchè sta andando male, ma perché non si sa se e quando tornerà a giocare, ma soprattutto: come rientrerà.

Veretout (Fiorentina): qualche rigore calciato e segnato, buoni voti sparsi qua e là, ma è l’ombra del giocatore decisivo e letale dello scorso anno. Non ha continuità e probabilmente lo avete pagato anche qualche credito di troppo. Sacrificabile.

Milinkovic-Savic (Lazio): fa male, ma bisogna avere la forza di farlo. Non ha quel passo, quella grinta e quella qualità messa in mostra nelle ultime stagioni. Orco abbattuto e abbacchiato. Forse piange di non essersi trasferito al Manchester United? Possibile, intanto si spera che possa tornare pian piano sui suoi livelli, ma sarà difficile. Salutatelo.

Perisic (Inter): altro giocatore che è meglio lasciar andare che tenere ad occupare posti che potrebbero essere riempiti molto meglio. L’idea è non solo quella di liberarsene per avere più crediti ma anche per tentare una strategia offensiva diversa contro chi ha recuperato tutti i crediti spesi per Higuain: punterà questo tipo di giocatori per rinforzarsi sperperando crediti inutilmente.

Hysaj (Napoli): nome diverso e non altisonante. Il rapporto con Ancelotti è incrinato e non è più un titolare inamovibile. Non vi libererà di tanti crediti ma sicuramente riuscirete a mettere via, svincolandolo, un gruzzoletto di tutto rispetto per prendere difenspri titolari e dalla fantamedia più alta.