Come preparasi all’asta: cosa fare e gli errori da non commettere

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

L’asta fantacalcio è uno dei momento più sacri dell’estate di ogni fantallenatore. Il sole, il mare, le vacanze e gli amici (magari anche gli esami all’università) sono tutti secondari. Bisogna studiare e tenersi aggiornati: ogni momento è buono per aprire il proprio smartphone e cercare le ultime novità di calciomercato, leggere il Tabellone Calciomercato, i consigli fantacalcio, imparare a memoria la griglia portieri e ripassare come dividere il budget all’asta. Poi le discussioni sui gruppi whatsapp: quando facciamo l’asta del fanntacalcio, prima o dopo l’inizio del calciomercato? L’attesa è spasmodica per quello che per gli amanti del fantacalcio è un vero e proprio evento.

Come tale va preparato: servono disciplina, esperienza e freddezza. L’asta fantacalcio va vissuta come un momento di aggregazione tra amici, una sorta di reunion tra persone che a volte non si vedono da tempo perché la vita e il lavoro le hanno portate ad essere distanti, ma bisogna tenere a mente che è pur sempre una gara. La si può affrontare in due modi o la si prende come un gioco o la si vive come la finale di Champions League. Una gara da dentro o fuori dove non si può tornare indietro. L’asta fantacalcio va vissuta e preparata fin dalla fine della stagione precedente. Arrivare all’asta sapendo a memoria le statistiche di questo o quel giocatore o le caratteristiche tecniche dei nuovi arrivati in Serie A per alcuni è follia, per altri esperienza. Basta decidere che tipo di fantallenatore si vuole essere. E poi non è detto che chi si prepara prima sia il vincitore matematico del Fantacalcio: no, a volte sono la fortuna, il caso, gli episodi che decretano il vincitore.

Preparasi all’asta fantacalcio è una cosa, farla e vincerla è un’altra. Qui serve un livello di esperienza differente, la cattiveria agonistica, la freddezza e un po’ di garra charrua che non guasta mai. Quando ci si siede al tavolo con i propri amici per astare i giocatori che comporranno le rose fantacalcio della stagione che verrà serve non poca bravura. Dovrete vestire i panni del giocatore di poker, restare impassibili e dimenticarvi di essere umani e di essere capaci di provare emozioni. Impassibili e efficienti come dei robot. Non importa se l’amico d’infanzia davanti a voi è disperato e ha bisogno di un vostro favore per completare la rosa, al fantacalcio non esistono amici… solo vincitori.

Asta Fantacalcio: cosa fare e gli errori da non commettere: Ecco come prepararsi

Come prepararsi all’asta

Preparasi all’asta può sembrare semplice, ma come detto non lo è affatto. Per essere super competitivi serve avere una grande consapevolezza dei propri mezzi che deve essere cementata in anni di fantacalcio. Se siete alla prima esperienza però non temete: basta studiare. E non poco. Serve essere aggiornati soprattutto sui giocatori meno appariscenti, ma titolari nelle medio piccole. E’ da lì che si estrapolano i migliori colpi low cost, è acquistando loro che fate le vostre fortune e vincete il fantacalcio: ovviamente, se a fianco a loro metterete giocatori d’esperienza e da bonus, magari appartenenti a delle big. Leggete le fantamedie (difesa, centrocampo e attacco) della passata stagione, consultate i consigli fantacalcio e leggete le schede fantancalcio dei nuovi arrivati.

All’asta vestitevi comodi. Essere a proprio agio anche a livello di outfit è essenziale. Se l’asta si svolgerà a margine o al termine di una grigliata tra amici, voi restate sobri. L’alcool annebbia il cervo e oscura le idee, rendendovi meno chiare le mosse da fare. Fate bere gli altri e mangiate poco. La scusa? Il mal di stomaco, funziona sempre. Non accettate amari e bevete acqua e qualche caffè, mantenere il cervello attivo aiuterà a farvi trovare la soluzione giusta in fase d’asta fantacalcio.

 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!