Cagliari, Nainggolan perde la pazienza: “Non scendo in campo da solo”

www.imagephotoagnecy.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Il Cagliari, nonostante il ricco mercato invernale e l’approdo in panchina di Semplici, stenta a trovare risultati e prestazioni utili a tirarsi fuori definitivamente dalla zona retrocessione.

I sardi, attualmente terzultimi, hanno due punti in meno del Torino, ma le cose potrebbero complicarsi visto che i granata hanno anche una gara da recuperare. Una situazione incandescente, soprattutto se teniamo conto del calore e della pressione dell’ambiente cagliaritano.

Sul banco degli imputati c’è Radja Nainggolan che, arrivato a gennaio dall’Inter per dare il suo contributo, finora è stato molto lontano dal giocatore ammirato solo un anno fa in terra sarda.

Il belga, però, dopo la sconfitta contro il Verona ha perso la pazienza e, intervistato da Sky, ha rimandato al mittente tutte le accuse e le critiche ricevute in questa seconda avventura in rossoblù.

www.imagephotoagency.it

Le parole di Nainggolan dopo il Verona: “Si gioca in undici”

Il primo pensiero del belga è per la lotta salvezza: “È difficile, le partite diventano meno e i punti sono quelli. Vogliamo salvarci, il gruppo è unito, ma non è così facile. Ci puniscono col minimo, poi devi ripartire ed è difficile Mancano nove partite, ora hai l’Inter e te ne restano altre otto. Bisogna iniziare a fare punti”.

Nainggolan ha un messaggio per tutti coloro che lo criticano e che lo tacciano come responsabile dei pessimi risultati della squadra: La gente mi critica perché dice che devo fare gol, tirare in porta, essere il leader. Ma si gioca in undici, eh. Se giocavo a tennis se la potevano prendere con me. Sono sereno, cerco di dare il contributo alla squadra, ma si gioca in undici”.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!