Matched Betting: La Guida Definitiva per Guadagnare Soldi Sicuri con le Scommesse

matched betting

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Guadagnare denaro online è una pratica a cui si avvicinano in tanti, cercando soluzioni comode per arrotondare un po’ lo stipendio.

Il problema non sta tanto nei modi poiché ve ne sono di innumerevoli di esistenti (tra gli altri sondaggi retribuiti, applicazioni che promettono guadagni e chi più ne ha più ne metta) quanto piuttosto nel funzionamento degli stessi che, solitamente, presentano alcune problematiche esiziali:

– in primo luogo, le pratiche di guadagno online più comuni bisognano di un investimento iniziale di denaro che, ovviamente, non presenta alcun tipo di garanzia e presente grandi possibilità di trasformarsi poi in una perdita effettiva di soldi

– in secondo luogo, anche i metodi tecnicamente più sicuri richiedono comunque un tempo molto elevato prima di poter incassare qualche guadagno, senza che ci sia alcuna effettiva sicurezza sui propri introiti. Diviene dunque possibile passare molte ore con i vari sistemi per poi, magari, vedersi accreditare solo pochi centesimi che, sicuramente, non valgono il tempo dedicatoci

La soluzione a questo problema è rappresentata da una pratica nota come matched betting e in questa guida andremo a sviscerarne ogni aspetto, vedendo come sia possibile sfruttarlo al meglio per incrementare i propri guadagni online.

Cos’è il Matched Betting

Diffuso da oltre un decennio in Inghilterra, il mercato più grande per quanto concerne le scommesse sportive, il matched betting sta finalmente cominciando a farsi conoscere anche in Italia

Dal punto di vista letterale, Matched Betting identifica un metodo di “Scommesse Congiunte” che presenta l’obiettivo di portare un guadagno certo e sicuro a colore che scommettono grazie all’uso di scommesse che coprano tutto i possibili risultati di un evento sportivo.

A livello pratico non sono molte le differenze con le normali scommesse sportive, se non fosse che il sistema utilizza i bonus legati alle scommesse date dai Bookmakers rendendo quindi virtualmente impossibile la perdita.

Il funzionamento messo in pratica dai siti legati al Matched Betting permette di legare la quota dei bonus a quella investita dall’utente, portando ad un guadagno netto e slegato in ogni maniera possibile dal risultato dell’evento in questione, sebbene tale guadagno sia comunque soggetto alle variazioni dei bonus utilizzati.

Dunque il matched betting presenta un rischio zero dal punto di vista della scommessa poiché si basa sulla semplice formula:

Vincita X – Perdita X + Bonus Z

Che consente di coprire tutti i possibili risultati, non ricavando alcun guadagno dall’evento sportivo ma prendendo gli introiti dei bonus.

Ovviamente, di tale quota il bookmaker erogatore del bonus e gestore della scommessa riprenderà una quota ma questo non pregiudica l’utilizzo del sistema poiché anche tale valore (solitamente una piccola percentuale) è comunque coperto e superato dal bonus.

Per comprendere ancora più nel dettaglio il funzionamento del matched betting occorre parlare di tutti gli attori coinvolti nel gioco, ossia i bookmaker, le quote e i mercati.

bookmaker: con questo termine ci si riferisce a quei siti che permettono lo svolgersi delle scommesse. È molto importante che lo scommettitore interessato al matched betting controlli sempre che il sito utilizzato riporto la dicitura “AMMS” che rappresenta la regolamentazione attiva in Italia (il matched betting è perfettamente legale ma affronteremo meglio questo tema in un paragrafo successivo

quota: parlando di quota si intende la probabilità che il bookmaker attribuisce a un determinato risultato sportivo. Logicamente, dunque, una quota bassa indica un evento che molto probabilmente si verificherà, mentre una quota alta va ad indicare situazioni la cui realizzazione è decisamente più complicate. Tale aspetto non è di grande importanza dal punto di vista del matched betting poiché, come già detto, questa pratica consiste nel puntare sia su un risultato che sul suo opposto.

mercati: con questo termine definiamo le possibili scelte opposte che potrai andare a scommettere su un determinato match. Ne esistono di diverse combinazione, vediamo alcuni esempi chiarificatori: “1X2”, il più usato e indica vittoria della squadra giocante in casa, pareggio fra le due compagini e vittoria della squadra giocante in trasferta; “Goal/No Goal” il primo indica che entrambe le squadre hanno segnato mentre il secondo che solo una delle due è andata in rete. Esempi del primo caso possono essere risultati di 1-1 o 1-3, mentre per il secondo abbiamo 1-0, 2-0 e così via; “Under/Over” invece indica se il risultato finale dell’incontro si trovi sotto (under) o sopra (over) un predeterminato numero di goal. Quando, dunque, si dice “under 1.5” si intende che la scommessa riguarda un risultato con un numero di goal non maggiore di uno, quindi risultati come 1-0 o 0-0 mentre quando parliamo di “over 1.5” si intende che il risultato finale della partita abbia visto due o più goal segnati.

Come Funziona il Matched Betting

Ora che abbiamo fatto una disamina approfondita delle componenti in gioco e dato una definizione generale di cosa sia il matched betting, possiamo andare più nello specifico e vedere il funzionamento effettivo di questa pratica.

La chiave per poter guadagnare tramite il matched betting è rappresentato dal cosiddetto “punta e banca” ossia la tecnica che permette di scommettere il risultato scelto ma anche il suo posto, portando ad un azzeramento del rischio.
“Puntare” significa, ovviamente, scegliere quale su quale risultato di un particolare evento sportivo piazzare la propria scommessa mentre “bancare” significa affiancare alla propria puntata anche il risultato opposto.

Richiamiamo gli esempi fatti in precedenza e vediamo l’applicazione pratica.

Dal punto di vista della giocata “1X2”, dove abbiamo dunque tre possibili risultati, è possibile andare a puntare 1 (ovvero giocare la vittoria della squadra giocante in casa) e poi, successivamente, bancare 1 (ossia giocare X2, pareggio o vittoria della squadra che va in trasferta) andando, di conseguenza, a coprire ogni risultato possibile, azzerando il rischio di perdita e andando a guadagnare sui bonus messi dal bookmaker.

Andiamo dunque a vedere quali sono le tipologie di bonus che andranno a determinare il guadagno ottenuto tramite il matched betting:

Bonus Benvenuto: sono i bonus rilasciati dai bookmaker per l’iscrizione al sito di scommesse

Bonus Ricorrenti: sotto questa categoria rientrano bonus che periodicamente si attivano dopo l’iscrizione ad un sito di bookmaking

Bonus Personali: questi, invece, sono una tipologia di bonus legata esclusivamente all’utente e si attivano, ad esempio, nel giorno del compleanno o per sorteggio casuale fra i vari utenti

Matched Betting e Scommesse, quali sono le differenze?

Essenzialmente, quando viene praticato il matched betting non avviene alcuna scommessa sebbene si utilizzano eventi sportivi su cui, solitamente, si tende a puntare (e perdere) denaro.

Il matched betting si affida ad un calcolo matematico che garantisce la certezza totale del guadagno tramite l’utilizzo dei bonus (siano essi di benvenuto, ricorrenti o personali) o tramite le surebets, di cui parleremo in seguito.

Il matched betting è un sistema di guadagno totalmente sicuro.

Dal punto di vista del rischio, l’unica possibilità, infatti, è che sia l’utente stesso a commettere un errore nel piazzare la propria giocata. Per ovviare a questo problema, tuttavia, esistono siti che si occupano di aiutare gli utenti nel matched betting, come NinjaBet con il risultato che la possibilità di rischio si riduce sostanzialmente a zero.

Quanto si Guadagna con il Matched Betting

Sicuramente chi starà leggendo questa guida avrà già intuito che il matched betting non permette di diventare ricchissimi in pochi giorni ma non è una pratica che fa promesse a vuoto, portando ad un guadagno costante ogni mese slegato da qualsiasi tipo di rischio.

In generale, è possibile riconoscere tre fattori principali che vanno a determinate l’introito effettivo realizzato tramite matched betting:

Tempo dedicato: è possibile affermare che almeno una ventina di minuti giornalieri siano necessari per poter garantire una degna entrata tramite il sistema del matched betting. Come in tutte le cose, tuttavia, dedicandoci più tempo i guadagni possono solo aumentare

Le quote date dai bookmaker: ovviamente, la presenza di quote favorevoli portano ad un guadagno maggioritario dai bonus, mentre le quote sfavorevoli determinano una riduzione

Capitale utilizzabile: il matched betting non presenta alcun rischio ma un capitale iniziale va comunque bloccato per poter iniziare a utilizzare il sistema del matched betting. Bisogna tener presente che non si sta parlando di investimenti perché, come abbiamo più volte sottolineato, il matched betting è un sistema di guadagno sicuro.

Volendo dare dei numeri più specifici, il guadagno che si percepisce tramite matched betting in genere varia dai 200 ai 1000 euro mensili in base a questi e altri fattori.

Guadagni alti sono rari mentre una quota fissa più bassa (ma che comunque rappresenta una rendita extra sicura e garantita) sono alla portata di tutti.

È bene ricordare, inoltre, che i guadagni generati tramite matched betting sono esenti dalla tassazione perché questa pratica rientra, per legge, nelle vincite come avviene per le scommesse “classiche”.

Il Matched Betting è Legale o è una Truffa?

Abbiamo già accennato a questo argomento nel corso dell’articolo ma ora è bene dedicarci un paragrafo a parte.

In Italia il Matched Betting è completamente e totalmente legale.

Ovviamente, essendo necessario appoggiarsi a siti di scommesse ed effettuare poi giocate su eventi sportivi è necessario essere maggiorenni e possedere la residenza italiana.

Non è nemmeno una truffa a livello dei bookmaker sebbene quest’ultimi possano non vedere di buon occhio l’utilizzo di questo sistema perché i loro guadagni, limitati ad una certa quota sui tuoi bonus, non gli permette di generare molte entrate sul tuo giocare.

Per questo è possibile che ogni tanto quest’ultimi pongano dei limiti al tuo conto di modo ché tu possa puntare fino ad una determinata cifra e non oltre.

Niente di cui preoccuparsi, comunque.

Quanto capitale occorre per iniziare a guadagnare tramite il Matched Betting?

È possibile cominciare anche con piccole cifre come 30 euro (ciò dipende essenzialmente dal bonus iniziale fornito dal bookmaker che si è deciso di utilizzare) per cominciare a vedere il funzionamento del sistema e fare subito una prima esperienza di cosa significhi guadagno totalmente sicuro.

Una volta dissipati i dubbi sull’effettiva validità del matched betting si potrà aumentare la quota di investimento in base anche a quanto si vuole guadagnare e a quanto velocemente lo si vuole fare.

Per maggiore chiarezza, ecco un esempio pratico:

Supponiamo che si voglia guadagnare tramite il bonus benvenuto fornito da Better; il guadagno sarà di circa 9€ e ti servita un capitale di partenza variabile tra 20 e 30€:

– 10€ saranno da depositare su Better

– 10-20€ andranno, invece, depositati su Betfair.
Tale importo dipenderà dalla quota che verrà scelta dall’utente:

· Se si decide di bancare 20€ con una quota di 1.30, saranno necessari 6€ su Betfair

· Se si decide di bancare 20€ con una quota di 1.50, saranno necessari 10€ su Betfair

· Se si decide di bancare 20€ con una quota di 2.00, saranno necessari 20€ su Betfair

· Se si decide di bancare 20€ con una quota di 2.50, saranno necessari 30€ su Betfair

In generale, è possibile regolarsi per il calcolo contando che il capitale necessario andrà circa dalle 2 alle 3 volte di quello che si vuole puntare a guadagnare.

Facendo un esempio con cifre molte elevate, se il bonus porta ad un guadagno di 300€, il capitale da investire sarà di 900€ (ovviamente, alla fine l’utente si ritroverebbe con una cifra certa e sicura di 1200€.

Aumentare i guadagni del Matched Betting

Abbiamo visto come sia possibile assicurarsi una rendita costante e sicura tramite il matched betting e ora è il caso di parlare delle possibilità che ci sono per aumentare questo guadagno.

Essenzialmente possiamo parlare di alcune situazioni che possono capitare relativamente al bookmaking e alcuni consigli pratici che consentiranno di accelerare il guadagno tramite il matched betting:

Surebet: alla lettera, significa “scommesse assicurate”. Può capitare che un errore nello stabilire delle quote da parte del bookmaker comporti un saldo punta-banca profittevole al posto della classica “somma zero” che abbiamo descritto in precedenza. In questo caso, insomma, oltre al guadagno normale dei bonus coinvolti nella tua scommessa, andrai a percepire anche il guadagno della surebet.

Possibilità di creare più account: Ovviamente, se con un account c’è un determinato guadagno sicuro e indiscutibile, con più account i guadagni si svilupperebbero aumentando, di conseguenza, in base al numero di account che si stanno utilizzando. Due account genererebbero un raddoppio dei guadagni, tre account porterebbero tre volte tanto il guadagno singolo e così via. In ogni caso, prima di lanciarsi nella gestione di più account è sempre consigliabile focalizzarsi bene su uno solo per prendere confidenza con il meccanismo.

Quando si parla di acceleratori del guadagno, invece, si intendono tre elementi che andranno a migliorare e rendere più veloce il sistema di guadagno derivato dal matched betting, potenziandone l’efficacia:

1 – Una buona schematizzazione delle informazioni

Ovviamente, per poter far bene una cosa è necessario sapere, al meglio possibile, tutto ciò che la riguarda. Una guida come questa può rivelarsi fondamentale per iniziare ad addentrarsi nel mondo del matched betting poi il resto verrà acquisito tramite esperienza diretta.

2 – Utilizzo di software funzionale

Come già detto in precedenza, i minuti da dedicare al matched betting in genere sono molto pochi ogni giorno ma questo perché esistono alcuni software che si occupano di gestire la maggior parte delle situazioni al posto dell’utente, svolgendo i calcoli, analizzando i bookmaker e i mercati da loro offerti e indicando di volta in volta dove, come e quando puntare. In ogni caso, questa guida dedicherà un paragrafo al software utilizzabile.

3 – Supporto

Poter avere alle proprie spalle una community di persone pratica nel sistema del matched betting può rivelarsi fondamentale. Per quanto non sia complicato comprendere il funzionamento di questo metodo e pur esistendo guide come questa che ne illustrano tutti gli aspetti, il dubbio può sempre venire in qualsivoglia situazione e, in tal caso, poter contare sull’esperienza di qualcuno che sia già pratico della questione matched betting può rappresentare un vantaggio essenziale.

A che siti affidarsi per il Matched Betting

Poco fa abbiamo parlato di software e siti a cui rivolgersi per assicurarsi un concreto aumento dei guadagni e una maggiore velocità d’utilizzo per quanto concerne il matched betting.

Gli ultimi anni sono stati contraddistinti da un continuo aumento delle piattaforme nate con il solo scopo di aiutare gli scommettitori nel gestire il proprio matched betting.

Tra le piattaforme migliori per il Matched Betting c’è sicuramente Ninjabet.

Questa piattaforma può di sicuro vantare il primato di anzianità, essendo stata la prima capace di prendere la guida del settore, di fatto creando la prima comunità italiana di matched betting e gestendone le operazioni ponendosi sempre con un occhio di riguardo nei confronti dei propri utenti.
Infatti, ad una interfaccia intuitiva e funzionale, NinjaBet abbina diverse guide e corsi per l’acquisizione di tutte le dinamiche collegate al matched betting in modo mirato, facile e preciso. Senza contare, poi, la presenza di una vasta community legata al sito, che vede nel proprio forum un faro essenziale per chiunque si interessi di questo sistema di guadagno.

CLICCANDO QUI PUOI PROVARE GRATIS NINJABET

F.A.Q. – Matched Betting

Come parte conclusiva di questa guida, ecco un insieme di FAQ (Frequently Asked Questions) ossia un insieme di domande che potrebbero venire a chi si trovi alle prime armi con il matched betting e abbia bisogno di risposte immediate:

– Di quali requisiti si ha bisogno per fare matched betting?

È necessario avere almeno 18 anni, possedere residenza italiana e, ovviamente, essere muniti di un computer che possa connettersi ad Internet.

– Davvero il matched betting presenta rischio zero?

Sì. L’intero funzionamento del matched betting si basa su un calcolo matematico a rischio zero e, dunque, è impossibile perdere. Una volta che si seguono le indicazioni date dai software che si utilizzano non vi è alcuna possibilità di incertezza.

– Il matched betting è legale?

Sì, legale al 100% sia in Italia che in altri paesi europei. Al massimo potranno essere i siti di bookmaking a cercare di limitare il guadagno di chi pratica il matched betting anche facendo passare per illegale una cosa che non lo è tramite l’utilizzo della disinformazione.

– Il matched betting viene tassato?

No, se fatto su bookmakers legali e affidabili, il matched betting è completamente esentasse.

– Guadagnare con il matched betting richiede impegno e sforzo?

No o, almeno, di sicuro non possiamo parlare di una cosa difficile o complicata. Tuttavia richiede un impegno costante e giornaliero anche se solo per venti minuti.

– Quanto si guadagna con il matched betting?

Il guadagno effettivo realizzabili tramite il matched betting dipende da molteplici fattori, tra cui le quote offerte dai bookmakers, il capitale bloccato per cominciare a scommettere e il tempo che ci si dedica. Comunque, è possibile affermare che i guadagni siano di circa 100 – 200 euro al mese per chi è alle prime armi e dedica non più di venti minuti al giorno a questo metodo. Ovvio che con tutti i possibili acceleratori e moltiplicatori di cui abbiamo parlato nella guida tale cifra può crescere anche sensibilmente.

– Ho finito i bonus di benvenuto. Non posso più guadagnare con il matched betting?

No. La fine dei bonus di benvenuto sicuramente determina una riduzione dell’utilizzo dei bonus più immediati ma i bonus ricorrenti e quelli legati al singolo utente sono ancora fonti sicure di guadagno. E poi sono da contarsi anche le surebet.

– Si può guadagnare con il matched betting anche se non si conosce nulla di calcio/sport in generale?

Certo, il guadagno è matematico e il risultato degli eventi sportivi totalmente ininfluente. Da appassionato di sport si aggiunge sicuramente una componente di divertimento in più ma nulla vieta ad un totale profano dal punto di vista sportivo di cominciare a guadagnare con il matched betting.

– Una volta fatta la mia puntata devo poi seguire le partite?

No, una volta eseguito il sistema del “punta e banca” sono stati compiuti tutti i passi necessari per il guadagno tramite matched betting.

Conclusioni

Questa guida ha cercato di fornire una spiegazione che si presentasse il più dettagliata, precisa e semplice possibile per introdurre un totale neofita al mondo del matched betting.

Abbiamo analizzato ogni aspetto che riguarda questo metodo, vedendone il funzionamento e i trucchi più immediati per potersi garantire questa rendita extra totalmente affidabile e sicura.

A questo punto, e giunti alla fine della guida, sta all’utente vedere se il meccanismo sia chiaro e se, in caso, ci fosse la volontà di fare un tentativo.

Come accennato più volte nella guida, il matched betting è un metodo di guadagno completamente sicuro e matematico, tuttavia, nel complicato mondo dei guadagni online può sembrare strano trovarsi davanti a prospettive di questo tipo.

Non resta che provare, magari investendo poco inizialmente e poi aumentando via via che si prende pratica con il sistema e si dissipano gli ultimi dubbi relativi al funzionamento totalmente sicuro e affidabile di questa pratica.

Buon matched betting a chiunque si decida a provare questa sicura e pratica fonte di guadagno!

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!