Milan, Ibrahimovic sul pranzo in zona rossa: lo svedese rompe il silenzio

www.imagephotoagnecy.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Continua a tenere banco la questione che riguarda il pranzo, avvenuto la scorsa domenica, di Ibrahimovic in un ristorante, nonostante la zona rossa, a Milano. Giusto all’indomani dell’espulsione, costata una giornata di squalifica, nel corso della gara dl suo Milan col Parma.

La scena era stata immortalata da alcuni scatti anonimi, scatenando subito l’indignazione del mondo social e dell’opinione pubblica. A far montare le polemiche, infatti, sarebbe stata la non osservanza dei divieti dovuti alla zona rossa da parte dello svedese e di altri amici che, anzi, si sarebbero concessi un pranzo da 300€ a testa.

Lo chef del locale ha, sin da subito, confermato la presenza di Ibra (assieme a quella dell’ex compagno di squadra Abate): “Ibra, Ignazio con un altro amico carissimo sono venuti a trovarmi, siamo stati lì un paio d’ore e poi se ne sono andati a casa.

È stata una cosa tra amici, normali, siamo amici e noi ogni tanto ci vediamo da me se non ci vediamo da altri amici. Non hanno pranzato, da amici abbiamo bevuto un bicchiere di vino“.

www.imagephotoagency.it

Ibrahimovic a pranzo in zona rossa: la versione del Milan e del giocatore

Le prime versioni dei fatti ricostruite dal Milan hanno parlato di un semplice incontro di lavoro, con un numero limitato di persone. Nessun pranzo, ma un incontro di poco più di un’ora. Ibrahimovic, infatti, segue un protocollo che lo tiene monitorato costantemente nonostante sia già risultato positivo.

Lo stesso svedese ha, sin dal primo momento, parlato di un meeting di lavoro, cercando di fugare così alle critiche piovute al suo indirizzo. Nelle ultime ore Ibra, raggiunto da una troupe di Rete 4, ha chiarito (a modo suo) la questione: “Non ero a pranzo, è stato un grande meeting. Zona rossa? Di cosa parli? Cosa vuoi, fare foto? Nessuno ha mangiato“,

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!