Juventus, #Sarriout: Allegri, Conte e Inzaghi per il futuro? Attenzione alla scelta straniera

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Futuro panchina Juventus – Una serata da dimenticare in fretta per ripartire immediatamente. La Juventus di Sarri esce a testa bassa dalla Champions League, eliminata dal Lione: una squadra che dal presidente Agnelli ai giocatori è stata definita, nel post gara, abbordabile.

Una sconfitta (pesante) per 1-0, a Lione, e il 2-1 in casa che non basta a raggiungere la Final Eight di Lisbona. Ora c’è da riprogrammare il futuro: vendere alcuni over 30 e ringiovanire una squadra che, a detta del presidente Agnelli, è la rosa più vecchia d’Europa.

Ma chi ci sarà alla guida di questa Juventus? Ancora Maurizio Sarri? Difficile. Il nono Scudetto consecutivo non basta alla dirigenza per dire che il lavoro svolto quest’anno dall’allenatore ex Napoli sia stato positivo. Normale che Agnelli, Nedved e Paratici stiano facendo delle valutazioni.

www.imagephotoagency.it

Futuro panchina Juventus: Agnelli valuta il cambio in panchina

Il futuro della panchina della Juventus è, dunque, incerto. C’è poco tempo per programmare e serve prendere una decisione velocemente per non tardare la preparazione di una stagione che si preannuncia lunga ed estenuante.

Agnelli, nel post gara della sconfitta contro il Lione, ha ammesso che la dirigenza farà delle valutazioni. Non ha sollevato Sarri dall’incarico, ma nemmeno lo ha confermato. Ecco che questo ha generato un “toto nome” per il futuro della panchina della Juventus.

Gli allenatori in lizza per il ‘post Sarri’

La scelta numero 1 dovrebbe essere Massimiliano Allegri. Profilo juventino: piace alla dirigenza e ha portato risultati importanti in 5 anni di gestione. Già lo scorso anno aveva annunciato ad Agnelli che sarebbe servito un ricambio generazionale. Un’idea che si scontrava con quella del presidente e che portò alla separazione.

Dietro di lui Antonio Conte e Simone Inzaghi: l’allenatore dell’Inter è in rotta con la società nerazzurra e potrebbe riprendere in mano le redini di una squadra che ha ricominciato a vincere grazie a lui, ma molto dipenderà dai colloqui che avrà con Zhang e Marotta, a fine stagione, sulla programmazione di quella nuova.

L’allenatore della Lazio, invece, piace da tempo. Non è un mistero. Lotito però punta molto su di lui nonostante gli resti un solo anno di contratto. E difficilmente agevolerà l’addio dell’allenatore che ha riportato in alto la Lazio.

www.imagephotoagency.it

In ultimo, la dirigenza bianconera valuta anche l’ipotesi straniera: piace molto anche Pochettino. L’ex allenatore del Tottenham era già tra i candidati per sostituire Allegri sulla panchina bianconera lo scorso anno, ma poi decise di proseguire con gli Spurs, da cui è stato esonerato a metà stagione.

Tante idee, ma poche certezze

Agnelli, Nedved e Paratici discuteranno di tutte queste possibilità prima da soli, poi sentiranno Sarri, anche per capire se ci saranno o meno i presupposti per proseguire assieme, e infine decideranno sul da farsi.

www.imagephotoagency.it

Tante idee, ma non confuse. La Juventus ha dimostrato di decidere sempre con freddezza, magari rischiando. E, perso un altro anno per vincere la Champions League, possibile che Agnelli non voglia rischiare anche la prossima stagione e punterà sulla sicurezza di un allenatore che conosce bene l’ambiente Juventus.

Non sono però da escludere le scelte come Inzaghi e Pochettino: la Juve vuole e deve vincere, farlo con un progetto nuovo e un allenatore “giovane” darebbe ancora più lustro alla programmazione societaria della dirigenza bianconera.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!