LIVE CORONAVIRUS | Gravina: “Serie A può finire a giugno. Ingaggi? Se necessario andranno tagliati”

www.imagephotoagency.it

Chi ha provato l’app di FantaMaster non è più tornato indietro.
Se anche tu sei coraggioso a tal punto CLICCA QUI E SCARICA L'APP GRATIS

Coronavirus Serie A – Il campionato italiano di calcio si ferma fino al 3 aprile, ma attenzione ai nuovi possibili provvedimenti dopo i primi casi di positività al Coronavirus.

Di fatto, continuano a venire a galla diverse positività al COVID-19 nella nostra Serie A; dopo i casi Rugani, Samp e Fiorentina, nelle ultime ore sono stati ufficializzate anche le positività di Matuidi (Juventus) e Zaccagni (Verona). “Panico” generale anche in tutti gli altri campionati d’Europa e del mondo. Stop anche all’NBA e Formula 1.

La Serie A, dal canto suo, ha comunicato la sua intenzione a continuare il campionato non appena le condizioni sanitarie lo permetteranno, ma sono attesi aggiornamenti ora dopo ora per capire e valutare bene l’evolversi della situazione.

In questo spazio vi aggiorneremo continuamente su tutti i movimenti possibili di questa lunga giornata che sta vivendo la Serie A a causa del diffondersi del Coronavirus.

Coronavirus Serie A: News e Ufficialità LIVE

Articolo in aggiornamento (Ricarica la pagina)

16:00 – Lecce, il presidente Sticchi Damiani: In questo momento saremmo a pari punti con il Genoa e pari anche negli scontri diretti. Noi presidenti ci sentiamo tutti i giorni, la possibilità di cristallizzare questa classifica non è mai stata presa in considerazione. Questo campionato deve essere completato in ogni modo, i verdetti devono essere dati dal campo. Noi vorremmo che il campionato reiniziasse entro i primi di maggio, così da concluderlo entro il 30 giugno: i danni, in questo modo, verrebbero ridotti al minimo. Playoff e playout? Non sono favorevole, se si può tornare in campo per 6-7 partite di playoff, allora si può anche concludere il campionato“.

www.imagephotoagency.it

15:00 – Giuseppe Gravina, presidente della Figc, dice la sua sui calendari, dopo che la Uefa ha spostato l’Europeo al prossimo anno, a Tutti Convocati: “Era un auspicio condiviso da tutti quello del rinvio dell’Europeo. Adesso abbiamo maggiori possibilità per posizionare alcune date in maggio e giugno sperando sia sufficiente per la deadline del 30 giugno. Sappiamo che i campionati nazionali sono autonomi. Daremo priorità al nostro calendario. Lavoriamo su ipotesi del 2/05 e di completare i campionati, eventualmente sforando a luglio se non dovessimo farcela al 30/06​

T​aglio ingaggi dei calciatori? Non può essere un tabù in emergenza, è un momento di crisi per tutti, siamo tutti chiamati a un gesto di grande responsabilità. ​I contrasti che sono derivati da diritti e obblighi contrattuali ancora ce li portiamo dietro e dovremo affrontarli. 

Riformulare la Serie A? L’Uefa ha costituito un gruppo di lavoro che prevede la partecipazione delle leghe per capire esattamente come si possono conciliare le esigenze tra campionati nazionali e internazionali. Nel caso di impossibilità di usare tutte le finestre così come è stata da ipotesi rischedulata, ricorreremo ad una modifica di format delle competizioni”.

14:15 Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora alla Rai: “Abbiamo sospeso tutti gli adempimenti fiscali fino al 30 maggio per tutte le società sportive e gli affitti di proprietà dello stato dove si svolge attività sportiva. La Serie A? Può riprendere il 3 maggio, è quello che speriamo: poi valuteremo se a porte aperte o chiuse. A questo si aggiungeranno la Champions League e l’Europa League che si incroceranno col nuovo calendario. Nelle prossime ore bisognerà prendere in considerazione un divieto di attività all’aperto: l’appello era di restare a casa. Se non viene seguito, potremo apporre un divieto assoluto”.

13:50 Anche Zlatan Ibrahimovic si muove per combattere il Coronavirus, con una raccolta fondi denominata “Kick the virus away”. Ibra: “bisogna aiutare l’Italia, il paese che mi ha sempre dato tanto e che amo. Perché se il virus non va da Zlatan, Zlatan va dal virus!”

View this post on Instagram

Italy has always given me so much and, in this dramatic moment, I want to give back even more to this country that I love. I decided, together with the people who are working with me, to create a fundraiser for Humanitas hospitals and to use my communication power to spread the message wider. It’s a serious issue and we need a concrete help that’s not just about a video. I count on the generosity of my colleagues, of all professional athletes and of those who want to make a small or large donation according to their possibilities, to kick this virus away. Together we can really help hospitals and doctors and nurses who selflessly work every day to save our lives. Because today we are the ones cheering for them! Let’s together kick the CoronaVirus away and win this match! And remember: if the virus don’t go to Zlatan, Zlatan goes to the virus! Link in bio

A post shared by Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) on

13:47 Matuidi su Instagram: “Sono positivo. Abitualmente amo pensare che sono positivo perché sono una persona che cerca di irradiare buone sensazioni attorno a sé, alla mia famiglia, ai miei amici ai miei compagni.

Oggi resto positivo. Sono portatore asintomatico del virus, cosciente di avere il privilegio di essere un calciatore professionista e di beneficiare per questo motivo di un monitoraggio sanitario regolare e eccellente. Se non lo fossi stato, forse non avrei mai saputo di esserlo.
Sono positivo, sono forte, il mio morale é alto come quello della mia famiglia.

Sono positivo, usciremo collettivamente più forti da questa prova, che ci insegnerà a conoscerci meglio, a essere più solidali, più generosi, migliori. Ringrazio tutti voi per i vostri messaggi di amicizia e di sostegno. Restiamo disciplinati e uniti per poter presto tornare a fare le coccole ai nostri figli, abbracciare i nostri genitori, dare la mano ai nostri fratelli e sorelle e festeggiare i gol con i nostri compagni. Sono positivo, ce la faremo”.

Blaise

View this post on Instagram

Je suis positif. Habituellement j’aime penser que je suis positif. Quelqu’un qui essaie d’irradier de bonnes ondes autour de lui, ma famille, mes amis, mes coéquipiers. Aujourd’hui je reste positif. Je suis porteur asymptomatique du virus, conscient d’avoir le privilège d’être un footballeur professionnel et de bénéficier à ce titre d’un suivi médical régulier et excellent. Si ce n’était pas le cas, je ne l’aurais sans doute jamais su. Je suis positif, je suis fort, le moral est bon, celui de ma famille aussi. Je suis positif, nous ressortirons collectivement plus forts de cette épreuve, elle va nous apprendre à mieux nous connaitre, à être plus solidaires, plus généreux, meilleurs. Je vous remercie pour vos messages d’amitié et de soutien. Restons disciplinés et unis pour pouvoir bientôt faire des câlins à nos enfants, prendre nos parents dans les bras, checker nos frères et soeurs et célébrer des buts avec nos coéquipiers. Je suis positif, nous allons le faire. Blaise ____ Sono positivo. Abitualmente amo pensare che sono positivo perché sono una persona che cerca di irradiare buone sensazioni attorno a sé, alla mia famiglia, ai miei amici ai miei compagni. Oggi resto positivo. Sono portatore asintomatico del virus, cosciente di avere il privilegio di essere un calciatore professionista e di beneficiare per questo motivo di un monitoraggio sanitario regolare e eccellente. Se non lo fossi stato, forse non avrei mai saputo di esserlo. Sono positivo, sono forte, il mio morale é alto come quello della mia famiglia. Sono positivo, usciremo collettivamente più forti da questa prova, che ci insegnerà a conoscerci meglio, a essere più solidali, più generosi, migliori. Ringrazio tutti voi per i vostri messaggi di amicizia e di sostegno. Restiamo disciplinati e uniti per poter presto tornare a fare le coccole ai nostri figli, abbracciare i nostri genitori, dare la mano ai nostri fratelli e sorelle e festeggiare i gol con i nostri compagni. Sono positivo, ce la faremo. Blaise

A post shared by Blaise Matuidi Officiel (@blaisematuidiofficiel) on

13:40 Il presidente del Genoa, Enrico Preziosi, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss: “Non si può definire una data per la ripresa del campionato, anche se Lega e Federazione sono concordi sulla data del 9 maggio. Sicuramente prima della ripresa della competizione i calciatori dovranno rifare la preparazione, oggi però viviamo senza fare previsioni.

Di certo il contagio deve essere rallentato, perché la salute è la priorità. Spostare gli Europei al 2021 per far terminare i campionati è una decisione corretta, ne parlammo già in Assemblea, come anticipato dal presidente dell’Eca Agnelli”.

13.35 Jakub Jankto, centrocampista della Sampdoria ai microfoni di ​Sport.cz: “Siamo chiusi in un appartamento con tutta la famiglia. La cosa fastidiosa è che non possiamo andare da nessuna parte, siamo ancora in uno spazio limitato. Ero in contatto diretto con i compagni di squadra già infetti.

Quindici persone sono già state infettate nel club, ma potrebbe non essere più così, il numero potrebbe essere ancora più alto. Non sono sicuro di essere sano, ma mi sento bene e spero di non essere infetto. Forse ho il virus e non lo so ancora, cerco di non pensarci. Posso solo seguire tutte le normative, l’igiene, ma niente di più. Spero di stare bene”.

www.imagephotoagency.it

13:30 Chelsea, Roman Abramovich ha deciso di riservare la struttura vicino a Stamford Bridge a coloro che lavorano negli ospedali per combattere il coronavirus.

12:55 Michela Persico, compagna di Rugani, intervistata da “Chi“, ha così ammesso: “Io e Daniele aspettiamo un figlio. Daniele non aveva sintomi, poi improvvisamente due linee di febbre, quasi niente, ma è partito il controllo. Positivo. Ma stava bene. Anch’io non ho sintomi e sto bene. Ma al momento devo capire cosa succederà. Spero che il virus non incida sulla gravidanza. I medici mi hanno assicurato che non dovrebbero esserci problemi. Ma mettetevi nei miei panni: ho una paura infinita”

12:30 Audero, intervistato alla “Gazzetta dello Sport”, ha dichiarato: “Non possiamo uscire, così ci siamo organizzati con la spesa online, facciamo anche un po’ esercizi insieme. Con i compagni siamo in contatto, abbiamo il nostro gruppo whatsapp, ci giriamo anche cose simpatiche. Ci stiamo dimostrando molto uniti, compresi mister, staff, dirigenti, fisioterapisti, personale. Lontani ma vicini, come si dice”.

12:15 Matuidi, la moglie del centrocampista ha così affermato ai microfoni della “Gazzetta dello Sport”: “Serve che le persone stiano a casa. Ieri Blaise ha ricevuto i test, positivo ma state tranquilli: sta bene, anzi benissimo, è asintomatico come l’80% dei positivi… ed è per questo che è pericolosa questa malattia, se n’è accorto anche Blaise. Lui sta proprio bene, tranquilli, non ha niente. Probabilmente resteremo altri 10 giorni in casa. Rispettate le regole, andrà tutto bene. ​Matuidi non parlerà, mi ha chiesto di fare un messaggio generale. Blaise sta bene, state tranquilli. Grazie a tutti per la vicinanza”.

www.imagephotoagency.it

11:25 Pastore, il centrocampista della Roma, intervistato a “Cadena 3”, ha così ammesso: “In Italia se ne parlava quasi come uno scherzo, fino a che gli ospedali sono stati colpiti.Da mercoledì scorso siamo in quarantena a casa, senza poter fare nulla, andare ad allenarsi, muoversi o viaggiare. Io mi alleno mattina e pomeriggio per poter dividere la seduta in più parti e occupare il tempo. Per noi che stiamo spesso fuori e viaggiamo molto è un’occasione per stare con i bambini e la sto sfruttando. Non sappiamo se realmente tutto terminerà il 3 aprile. Potrebbe durare anche di più”.

11:21 Szczesny: “Mentre ci continuiamo a preoccupare per le nostre famiglie e per i nostri cari, pregando che non siano affetti dal virus, continuiamo a chiederci come questo sia potuto accadere. Domande a cui potremmo non avere mai una risposta. Ma ci interroghiamo anche sul futuro: come questo cambierà la nostra società? Le cose torneranno alla normalità? Mi ha fatto pensare… Uno potrebbe considerarsi sfortunato per essere in Italia, la nazione più colpita dal coronavirs. Non sono d’accordo. Mi sento fortunato ad essere in Italia in questo momento. L’Italia è più grande e più forte di questo virus. Mi manca terribilmente la mia famiglia e prego perché tutto vada bene, sono fiero di condividere questo momento con le persone italiane. Sii forte Italia, andrà tutto bene”.

www.imagephotoagency.it

11:00 Ludogorets, UFFICIALE: il presidente del club positivo al Coronavirus. Ricordiamo che il Ludogorets ha giocato recentemente contro l’Inter nei match d’andata e ritorno di Europa League.

09:30 Espanyol, UFFICIALE, 6 contagiati, “In serata è arrivata la conferma che sei tra giocatori della Prima Squadra e dello Staff Tecnico sono risultati positivi al COVID-19, dopo i test effettuati. Tutti riportano sintomi lievi e stanno seguendo le raccomandazioni sanitarie previste”

09:15 NBA: nella serata di ieri Kevin Durant è risultato positivo al CODIV-19. Positivi anche altri 3 giocatori, attesi maggiori dettagli.

09:00 Trabzonspor, Obi Mikel rescinde il suo contratto: “Se il campionato continua con un’emergenza mondiale, io rinuncio ai soldi e penso alla salute mia, della mia famiglia e di tutti gli altri: vado via”

08:35 Lazio: lunedì 23 marzo ci sarà la ripresa degli allenamenti. A comunicarlo è stata la stessa società biancoceleste.

www.imagephotoagency.it

08:30 Cagliari: salvo nuove comunicazioni, gli isolani riprenderanno le attività sabato 21 marzo

 

 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!