Consigli Fantacalcio | I Top per reparto della 20^ giornata

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Consigli fantacalcio 20^ giornata – La Serie A è pronta a riaprire nuovamente i battenti. Tanti sono gli attaccanti, i centrocampisti, e i difensori che possono diventare protagonisti della 20^ giornata… e non ci stupiremmo se dovessimo vedere l’exploit di un nuovo insospettabile.

Diamo un’occhiata ai suggeriti per questo turno di Serie A e i nostri consigli al fantacalcio della 20^ giornata, per trovare qualche idea utile per il classico bonus. Se avete altre incertezze, consultate tutti i consigliati.

Ci siamo presi anche qualche rischio non da poco: cinque giocatori per reparto da schierare assolutamente in questo turno di campionato per provare ad avere la meglio sui vostri fantallenatori avversari e magari dimenticare il precedente turno.

Consigli fantacalcio 20^ giornata, la Top 5 per reparto di FantaMaster

Difesa

www.imagephotoagency.it

Ansaldi (Torino)

L’esterno sinistro dopo una prima parte di campionato ai margini del progetto sta ritrovando fiducia, buone prestazioni, ma soprattutto la maglia da titolare. L’anticipo contro la Fiorentina può essere l’occasione per tornare a sfornare qualche assist. Con i suoi 16 cross e corner riusciti è solo questione di tempo per il primo +1 stagionale.

Calabria (Milan)

Il terzino destro è una delle più belle sorprese del Milan capolista. Un girone d’andata ad alti livelli, impreziosito da due reti e un assist (6,37 di fantamedia). Davanti c’è il Bologna che a sinistra può soffrire le sue avanzate. 125 i duelli vinti da Calabria in questo campionato e ben 123 palle recuperate, ma non disdegna anche la fase offensiva: sono 8 i tiri in porta finor, di cui la metà finita nello specchio.

Cuadrado (Juventus)

L’esterno destro è ormai un pilastro della Juventus di Andrea Pirlo. Grazie alle sue accelerazioni è in grado di creare occasioni pericolose per i suoi in ogni momento della gara. Con la sua media di 1,57 dribbling riusciti a partita è una spina nel fianco di qualsiasi difesa, impressionante anche il numero di palloni toccati: 74,50 a partita.

Hakimi (Inter)

Top assoluto del reparto contro il Benevento può regalare bonus a tutti i suoi fantallenatori. Sono 18 i dribbling riusciti finora e ben 63 le palle recuperate, le due cose insieme gli consentono di ripartire in velocità e creare superiorità numerica. Davvero alto il numero di conclusioni in porta (18) di cui 11 sono finite dritte nello specchio. Numeri più simili a quelli di un attaccante piuttosto che a un difensore.

Koulibaly (Napoli)

Il centrale del Napoli, davanti all’attacco leggerino del Parma, può fare davvero la voce grossa. Koulibaly ha finora vinto 49 duelli in campo e recuperato ben 97 palloni agli avversari che gli hanno permesso di rilanciare subito l’azione. Un colosso difensivo con i suoi 15 tackle riusciti contro i 5 falliti, si fa vedere anche davanti con i suoi 5 tiri in porta provati da inizio stagione.

Centrocampo

www.imagephotoagency.it

Vidal (Inter)

La partita interna dell’Inter contro il Benevento può essere l’occasione giusta per trovare la seconda rete in campionato per Arturo Vidal. Il cileno lotta su ogni pallone (57 i duelli vinti in campo) e recupera anche tanti palloni (80). Davanti si fa vedere spesso, grazie alle sue incursioni, e le conclusioni dall’inizio dell’anno sono state 16 di cui 5 respinte dal portiere.

Luis Alberto (Lazio)

Il Mago è reduce dall’operazione all’appendicite, ma Simone Inzaghi difficilmente farà a meno di lui anche a gara in corso. Non solo 6 gol in 16 presenze, ma balzano all’occhio soprattutto i 32 dribbling riusciti finora dallo spagnolo. Tanti passaggi di prima (756) e molto alto anche il numero di palloni toccati a partita: 72,94. Davanti poi è sempre un pericolo per gli avversari: 24 i tiri in porta del laziale con 13 tentativi finiti nello specchio.

Nainggolan (Cagliari)

Sfida interna per il Cagliari che cerca disperatamente la vittoria scacciacrisi contro il Sassuolo di De Zerbi. Per farlo servirà il miglior Nainggolan, arrivato in Sardegna per trascinare i sardi fuori dalla zona cada della classifica. Il belga ha provato finora 10 tiri in porta di cui 6 respinti dal portiere, inoltre ha recuperato ben 32 palloni (4 a partita) agli avversari.

Zielinski (Napoli)

Il polacco del Napoli è spesso l’arma in più di Gattuso per scardinare le difese avversarie. Zielinski può fare molto male alla difesa del Parma, considerando le numerose assenze tra i ducali nel reparto arretrato. Sono ben 35 i dribbling riusciti finora e 64 i duelli vinti (contro i 46 persi) che ci descrivono un giocatore in grado di unire sia qualità che quantità.

Veretout (Roma)

Quella tra Roma e Verona potrebbe essere una di quelle partite chiuse, sbloccate magari da una conclusione da fuori area o da un calcio di rigore. Il francese, già autore di 7 reti, è un centrocampista tuttofare come dimostrano le sue 80 palle recuperate e, soprattutto, le sue 19 conclusioni in porta di cui ben 13 indirizzate nello specchio.

Attacco

www.imagephotoagency.it

Caputo (Sassuolo)

Il bomber del Sassuolo ha ritrovato la via de gol nella trasferta contro la Lazio, nonostante la sconfitta dei suoi. Caputo ha messo a segno 7 gol e 3 assist finora, confermandosi trai più pericolosi della squadra di De Zerbi. Sono ben 22 le conclusioni provate nella porta avversaria di cui 12 nello specchio a dimostrazione che il bomber è sempre pronto a colpire.

L. Insigne (Napoli)

La sfida interna contro il Parma può essere l’occasione per andare in doppi cifra e dimenticare il rigore fallito una decina di giorni fa nella finale di Supercoppa Italiana. Insigne è sempre un avversario temibile per via dei suoi 27 dribbling riusciti e dei 54 duelli vinti. Gran tiratore con i suoi 47 tentativi verso la porta avversaria (3,13 a partita).

Morata (Juventus)

Lo spagnolo torna dopo che, nelle ultime giornate, Pirlo gli aveva preferito Kulusevski nell’undici titolare. Morata è importante per il suo ruolo di boa visti i 20 duelli aerei vinti e i 265 passaggi di prima. In area di rigore non si fa pregare e appena può calcia in porta (10 tiri nello specchio sui 24 totali).

Lukaku (Inter)

Non si può lasciare fuori Lukaku, soprattutto in una partita che sulla carta è alla portata dei nerazzurri come quella contro il Benevento. 12 gol i 18 presenze e una fantamedia di 8,44 potrebbero bastare, ma anche i 31 dribbling riusciti sono un dato importante per capire l’importanza del belga nella squadra di Conte.

Correa (Lazio)

L’Atalanta in difesa concede sempre qualcosa e Correa, grazie alla sua velocità, può essere l’uomo giusto per fare male ai bergamaschi. Ben 51 i duelli vinti dal Tucu oltre alle 42,67 palle toccate mediamente a partita, a dimostrazione di come venga spesso cercato dai compagni. 7 i tiri nello specchio a fronte delle 13 conclusioni totali provate da inizio torneo.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!