Consigli fantacalcio | I Flop difesa, centrocampo e attacco della 14^ giornata

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Tutto pronto per la 14^ giornata di Serie A. Fantallenatori pronti a giocarsi al meglio le mosse e le strategie per il 14° turno di campionato. Massima cura del dettaglio e cura maniacale di ogni minima scelta.

Oltre a tutti i consigli generali, con la nostra analisi dei consigli fantacalcio riguardanti i top e flop di giornata, vogliamo indirizzarvi in modo corretto su chi non schierare in questo quattordicesimo turno di campionato.

Come ragionare? Cosa considerare nel dettaglio? Quali dovrebbero essere le vostre valutazioni e il vostro punto di vista in vista di questa tredicesima giornata di campionato? I nostri consigli fantacalcio riguardanti i flop di giornata si basano su un’analisi dettagliate con i nostri numeri e statistiche.

Giusto valutare attentamente anche il calendario e ogni singolo match, giusto analizzare con estrema calma anche lo stato di forma e mentale dei vostri giocatori, aspetti fondamentali per avere la meglio sui vostri rivali di giornata; aiutatevi prendendo come riferimento le nostre probabili formazioni.

Consigli fantacalcio I Flop per reparto della 14^ giornata

Attaccanti

www.imagephotoagency.it

Raspadori (Sassuolo)

Il classe 2000 non convince e probabilmente non ha ancora del tutto metabolizzato i nuovi schemi tattici del tecnico Dionisi. L’ultimo gol lo ha realizzato nella prima partita del campionato, poi ai propri fantallenatori ha regalato soltanto delusioni. A testimoniarlo sono i numeri: 15 cross sbagliati e 32 contrasti perduti. Nel frattempo, la fantamedia è scesa a livelli preoccupanti (6.15).

Bonazzoli (Salernitana)

Colantuono, sin dal suo arrivo nella panchina amaranto, ha puntato su di lui al fine di rilanciarlo ma le risposte ricevute sono state negative: 3 insufficienze nelle ultime 3 partite ed una fantamedia in calo (6.29). In campo appare troppo frenetico: atteggiamento che lo porta a commettere errori (76 palloni persi) e falli evitabili (4 ammonizioni).

Morata (Juventus)

Prosegue il periodo negativo dello spagnolo, il cui ultimo gol in campionato (2 in totale) risale al 19 settembre. Anonimo anche contro la Lazio, fin qui ha perso 67 duelli e tirato soltanto 8 volte nello specchio della porta avversaria. Facciamo a meno di lui: la retroguardia dell’Atalanta rischia di fargli vivere un altro pomeriggio da dimenticare.

Quagliarella (Sampdoria)

Il capitano dei blucerchiati, qualche settimana fa, aveva mostrato di avere ancora il fuoco dentro (gol e assist contro l’Udinese) ma negli impegni successivi non è andato altrettanto bene finendo anche in panchina. La convivenza con Caputo non è facile e sta obbligando il tecnico D’Aversa ad alternarli senza particolare costrutto. La fantamedia, per il momento, regge (6.20) ma i dati restano preoccupanti: 36 duelli persi e 72 passaggi sbagliati.

Orsolini (Bologna)

L’esterno continua a fare fatica (fantamedia di 5.79) ed il recente cambio di modulo adottato da Mihajlovic non lo sta aiutando a ritrovare le antiche certezze. Si tratta del tipico esempio di quanto sia dannoso tenere in squadra un giocatore scontento intenzionato ad andare via. A gennaio può davvero lasciare i rossoblù ma fino ad allora resta un elemento da tenere fuori dalle nostre formazioni. Nonostante l’impegno (19 corner conquistati) non riesce proprio a tornare protagonista.

Centrocampisti

www.imagephotoagency.it

Bonaventura (Fiorentina)

L’ex Milan era partito bene poi si è spento progressivamente. Resta un intoccabile di Italiano tuttavia non è il caso di continuare a dargli fiducia. A confermarlo sono i numeri: 7 traversoni errati, 95 palloni gestiti non al meglio ed appena un passaggio filtrante. È in difficoltà.

Bandinelli (Empoli)

Fino a qualche settimana, parlavamo di lui come di una delle rivelazioni della squadra di Andreazzoli: tocco felpato, circolazione rapida del pallone e buona presenza in fase offensiva. Ora, invece, sembra essersi spento come confermato dalle 4 insufficienze consecutive rimediate. Deve ritrovarsi, perché costituisce un elemento troppo importante per l’Empoli. Fin qui, il bilancio è in chiaroscuro: 10 dribbling portati a termine a fronte di 18 cross errati, 9 tiri in porta di cui solo 4 nello specchio.

Kessie (Milan)

L’ivoriano rappresenta una presenza fissa in questa rubrica ed il motivo è noto: all’interno del rettangolo di gioco, infatti, non risulta dominante come lo scorso anno. Pioli continua a schierarlo dal primo munito e a difenderlo, ma la realtà è che la questione riguardante il mancato rinnovo del contratto lo sta chiaramente condizionando.

Traore (Sassuolo)

Il trequartista, fermo alla rete siglata il 21 agosto, alterna performance deludenti ad altre poco brillanti. Dionisi conta su di lui per rilanciare le ambizioni dei neroverdi ma finora va considerata una scommessa persa: fantamedia incolore (6.30), 79 palloni persi e 10 falli causati per tentati tackle.

Pereyra (Udinese)

Dopo l’addio di De Paul è, insieme a Deulofeu, il leader tecnico dell’Udinese. Tuttavia il ruolo sembra renderlo nervoso in campo, come testimoniato dai diversi malus rimediati (3 ammonizioni ed un’espulsione). La fantamedia resta buona (6.50) ma ha perso 43 duelli e 132 palloni: tanti considerando il ruolo che ricopre.

Difensori

www.imagephotoagency.it

Milenkovic (Fiorentina)

Il difensore (fantamedia di 6.14) rientra dopo l’espulsione ricevuta nel match con la Juventus ma fin qui non sembra essere la sua stagione migliore. L’attacco dell’Empoli è in forma e si farà vivo principalmente dalle sue parti. Riuscirà a reggere l’urto? Nel dubbio, meglio evitare di schierarlo ed incappare in possibili malus. 

Ibanez (Roma)

Gioca, verrebbe da dire, per assenza di alternative. Perché, dando uno sguardo ai numeri si capisce bene i motivi per i quali Mourinho non stravede per lui: i lanci lunghi sballati sono 13 mentre in fase difensiva lascia spesso a desiderare: 18 palloni intercettati, 2 quelli bloccati.

Yoshida (Sampdoria)

Nelle ultime settimane è andato in grave difficoltà aumentando le proprie statistiche negative: 70 palloni buttati in fase di costruzione di gioco e soltanto 4 intercettati. Ora il prossimo avversario si chiama Simeone. Non serve dire altro, possiamo fare a meno di lui.

Lazzari (Lazio)

L’esterno resta un punto interrogativo nella stagione biancoceleste. Sarri si aspetta molto di più da lui ma fino a questo momento parlare di lui come di una principali delusioni fantacalcistiche non è sbagliato. In fase di costruzione della manovra il contributo è minimo: appena un assist in 9 presenze complessive e poca qualità nelle giocate a supporto dei compagni (14 cross di prima sbagliati).

Molina (Udinese)

Sono lontani i fasti vissuti in estate con la maglia dell’Argentina. L’esterno si è perso, risultato uno dei giocatori più deludenti dell’intera Serie A. La fantamedia (6.23) ci conferma che possiamo tranquillamente lasciarlo fuori dalle nostre formazioni titolari. 

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!