Di Natale: “Ecco perché ho rifiutato la Juventus. Sanchez? Stesse bene…”

www.imagephotoagency.it

SCARICA GRATIS l'App di FantaMaster e crea la tua Lega di Fantacalcio!

Antonio Di Natale è tornato a parlare ai microfoni di Sky Sport. Una carriera esplosa verso la fine, ma che lo ha reso uno degli attaccanti più forti di tutti i tempi in Serie A: sesto marcatore all time della Serie A, 445 presenze in A e 210 gol.

Cuore napoletano, ma una vita da calciatore vissuta da Leggenda dell’Udinese. Adesso allenatore dell’Under17 dello Spezia. Ecco le sue parole.

SPEZIA – Far crescere i ragazzi mi piace. Gioco col 4-3-3, è il marchio di fabbrica e poi i tre attaccanti avanti mi piacciono perché fanno la differenza”. E anche lui prova a fare la differenza, facendo crescere i ‘Di Natale’ del domani”.

IL RITIRO – Sei mesi prima avevo capito che era giusto smettere. Quando testa e fisico non c’erano più significava che era il momento giusto.Avrei potuto segnare di più? Io non ho giocato tanto in Serie A, a 27 anni ho vinto il campionato con l’Empoli e conquistato la promozione.

Negli ultimi 10 anni ho fatto qualcosa che non è facile ripetere, erano anni che nessuno superava i gol di Baggio“.

IL NO ALLA JUVENTUS – “Sono sempre stato fatto così. Ogni scelta l’ho fatta sempre col cuore, con la testa e non guardo mai i soldi. Lì c’erano tanti soldi, una società importante e che aveva vinto tutto.

Il mio procuratore mi chiamò e mi disse che c’era questa possibilità, io dissi: ‘Ti ringrazio, ringrazia anche la Juve ma io e la mia famiglia restiamo qua a Udine, mi sento uno di loro e mi piacerebbe finire qui la carriera’

Poi ho chiamato il presidente Pozzo e in due minuti si è risolto il problema”.

SANCHEZ – “E’ un giocatore che se sta bene fisicamente ti garantisce 20/25 gol all’anno. Quando è arrivato erano 6 mesi che non giocava, poi l’infortunio. Ma se l’Inter lo tiene per l’anno prossimo troverà un grandissimo attaccante“. 

NAPOLI – “Sono andavo via a 13 anni. E’ una città bellissima, quando posso ci vado volentieri e lì c’è la mia famiglia.

Giocare nella mia città lo vedevo come un peso. Sei di Napoli, se le cose vanno male la gente ti conosce… Tifo sempre Napoli, ci ho sempre pensato”.

FantaMaster è anche su Instagram! SEGUICI per consigli, meme e tanto altro!