Voto del Giornalista VS Voto Statistico: Dybala e Gomez

La Juventus vince ma Dybala non convince però si salva sul lato statistico.

Non è la Joya ammirata ad Agosto-Settembre: il numero di gol e assist si è drasticamente abbassato con i fantallenatori i quali stanno iniziando a spazientirsi.

Le redazioni hanno riservato voti sotto la sufficienza per il numero 10 bianconero ma la nostra valutazione statistica lo ha premiato con un 7.

Per quale motivo?

Anche quando non è in giornata, Dybala effettua i passaggi con il goniometro.

La voce “Precisione Passaggi” è abbastanza alta (88%), raramente compie errori in fase d’impostazione e, su questo, rimane un elemento essenziale per la squadra di Allegri.

Oltre ad essere precisi, i palloni che serve ai compagni di squadra stavano per diventare letali per la retroguardia sannita: ben 4 i passaggi chiave che non sono stati sfruttati da Higuain & Co.

Non ha segnato ma rimane sempre un pericolo costante.

Positive le percentuali sui “Dribbling riusciti” (più dell’80%) e sugli “1 VS 1” (60%) mentre sulle “Palle Perse” ha peccato un pò, l’unica nota stonata sul piano statistico. 

Le voci che abbiamo elencato hanno portato all’alta valutazione dell’attaccante argentino, percentuali non trascurabili e che fanno la differenza per il voto statistico.

Come Dybala, anche Gomez ha offerto una prova sopra le righe sotto questo piano.

Nonostante non sia al top della condizione, ha dato filo da torcere alla difesa spallina.

Per fermare El Papu hanno dovuto utilizzare le maniere forti: 4 i falli subiti dal numero 10 atalantino durante l’incontro di domenica.

I“Dribbling riusciti” confermano i problemi che hanno avuto gli uomini di Semplici (9 riusciti su 13 tentativi) e la voce“Precisione Passaggi” non è da giocatore martoriato dagli infortuni (85%).

Stecca sui cross (1 su 5 tentativi) ma non sui passaggi chiave e le grandi occasioni create che hanno messo in costante apprensione la retroguardia emiliana.

Al Papu Gomez è mancato solo il gol, ci proverà dopo la sosta cercando di fare un dispetto ad un Inter finora granitica.