Le Valutazioni Discutibili delle Redazioni nella Settima Giornata di Serie A

CAPITOLO ASSIST

 

In questa giornata, qualche dubbio ha sollevato l’assist di Jorginho sul gol di Koulibaly.

Napoli ha regolarmente assegnato l’assist perchè la punizione calciata dal regista italo-brasiliano non è stata sporcata né da Insigne e né dal difensore del Cagliari.

La palla arriva a Koulibaly che la protegge e tira in porta.

Stranamente, Milano non l’ha assegnato.

Avrà immaginato la deviazione.

 

CAPITOLO VOTI

  • VOTI PALACIO-VERDIMilano ha mostrato 2 volti: il lato generoso e quello brutale.
    Estremamente generoso nei confronti di Palacio (8) e molto spietato con Verdi (5,5).
    L’attaccante argentino avrà deciso il match contro il Genoa ma il 7 è il voto più giusto.
    La prestazione di Verdi è stata vivace, la convocazione in Nazionale lo avrà galvanizzato.
    Il 6,5 della redazione Napoli è una giusta valutazione.

 

  • VOTI SAMPDORIApremiare una squadra che perde 4-0 è da scellerati.
    Se si aggiunge che ai centrali difensivi è stato assegnato un 6,5 vuol dire che Milano la partita non l’ha proprio vista.
    Brutta gara per Silvestre e Ferrari i quali fanno un passo indietro rispetto alla prova eccellente offerta contro il Milan.
    Due passi indietro li compie Torreira che non ha acceso la luce al gioco della Sampdoria.
    Inspiegabile la sufficienza assegnata dalla Gazzetta ed è inspiegabile anche il 6 dato a Duvan Zapata.
    Partita evanescente la sua.
    Il suo ex stadio lo ha letteralmente paralizzato.

 

  • RICARDO RODRIGUEZuno dei pochi a salvarsi tra le fila rossonere.
    Grinta e sacrificio a servizio della squadra ma non è bastato.
    Milano ci deve spiegare perchè ha assegnato un 5 all’esterno svizzero.
    Mi sa che non avremo mai una risposta.

 

  • VOTI HATEBOER-ILICICl’esterno olandese ha sofferto parecchio Mandzukic.
    Raramente è riuscito a contrastarlo.
    Napoli lo premia con un 6 che, francamente, non merita assolutamente.
    Anche con Ilicic, Fantagazzetta ha preso un granchio.
    Il suo ingresso in campo ha dato inizio alla riscossa orobica.
    Perchè dare il 5,5 allo sloveno che è stato provvidenziale?

 

  • VOTI BARZAGLI-DOUGLAS COSTAl’ingresso di Barzagli non ha sortito gli effetti sperati.
    E’ rimasto travolto dalla furia orobica.
    Giusto il 5 assegnato dalla Gazzetta, alquanto ingiustificato la sufficienza data da Fantagazzetta.
    Su Douglas Costa, già non è facile esprimere un giudizio su una partita di 15 minuti scarsi, figuriamoci mettere un 5.
    MIlano ci è riuscita.
    Magari ce lo spiegasse. 

 

  • VOTI D’AMBROSIO-SKRINIAR: gara non proprio brillante dei nerazzurri nonostante la vittoria.
    Skriniar si conferma una piacevole sorpresa mentre D’Ambrosio ha offerto una gara sottotono.
    In entrambi i casi, se si fa la media dei voti delle redazioni di Milano e Napoli, esce la giusta valutazione.
    Un 5,5 a D’Ambrosio e un 6,5 a Skriniar.

 

  • THEREAU: partita iniziata bene e finita male per la Fiorentina.
    Nonostante il pessimo risultato, Thereau è stata la nota lieta insieme a Simeone.
    Sono stati loro a collezionare il momentaneo vantaggio viola.
    Giudizio molto stretto da parte della Gazzetta la quale dà un misero 5,5 all’attaccante francese.
    Giusta la valutazione di Fantagazzetta che assegna un meritato 6,5.

 

  • IMMOBILE: il gol su rigore ha raddrizzato una prestazione che sarebbe stata da 5 per l’attaccante biancoceleste.
    Milano dà il 7 in automatico ad Immobile senza calcolare la prova scialba compiuta prima della segnatura.

 

  • PAZZINI: entra e trasforma il rigore che porta al Verona un pareggio insperato e salva la panchina traballante di Pecchia.
    7 è il voto minimo da assegnare, la Gazzetta non è dello stesso avviso.
    Solo un 6 per l’attaccante scaligero.

 

  • LASAGNAl’attaccante ex Carpi ha contribuito alla vittoria scacciacrisi dell’Udinese contro la Sampdoria.
    Non meritava assolutamente il 5,5 ma Fantagazzetta ha avuto il coraggio ad assegnarglielo. 

 

  • LIROLA: la difesa del Sassuolo ha fatto harakiri all’Olimpico.
    Tutti colpevoli e nessuno si è salvato.
    Milano prova a tendere una mano a Lirola ma la sua prova è stata inguardabile.
    Il 5,5 è praticamente un regalo.