Le Valutazioni Discutibili della 31esima Giornata di Serie A

CAPITOLO GOL DI DE PAUL

Polemiche a raffiche riguardo la decisione della Lega Calcio e delle redazioni giornalistiche sul terzo gol dell’Udinese assegnato all’argentino De Paul.

Il calcio d’angolo, battuto dal trequartista friulano, è stato considerato un “tiro in porta”… questa cosa ci lascia un po’ di perplessi perché non vediamo l’intenzione di calciare in porta di De Paul, ha semplicemente messo in mezzo un pallone che Rubinho ha buttato, in maniera goffa, nella sua porta.

In questi casi, bisognerebbe assegnare l’autogol perché è evidente l’errore del portiere genoano però hanno deciso così e ci dispiace per quei fantallenatori che avevano contro De Paul.

CAPITOLO ASSIST

LUCAS EVANGELISTA: il classico assist che si può conteggiare ma anche no.
La Gazzetta l’ha considerato un semplice appoggio e, quindi, niente +1.
Al contrario, Fantagazzetta ha visto come determinante il passaggio di Evangelista sulla prima segnatura di De Paul.
Ognuno ha il suo metro di giudizio.

BELOTTI: non è assist.
Il gol è una chiara azione personale di Ljaijc

SUSO: è assist al 100%!
Suso mette in area il pallone che va su Pasalic che stoppa, con qualche difficoltà, e insacca.
Inspiegabile la decisione della Gazzetta sul mancato bonus al giocatore iberico.

CAPITOLO VOTI

CROTONE: giudizi troppo stretti di Fantagazzetta riguardo la meravigliosa prestazione del Crotone contro l’Inter.
Dovrebbe fioccare i 7 a quasi tutti i giocatori pitagorici e, invece, spuntano solo quelli di Falcinelli e Ferrari.

SAPONARA: con Saponara, la Gazzetta ha fatto una doppietta: sv e niente assist.
In un colpo solo, non ha assegnato l’assist che ha portato al pari della Fiorentina e non ha dato il voto nonostante il passaggio decisivo al gol di Babacar.

MARILUNGO: il migliore in campo insieme ad El Kaddouri. Firma l’assist al gol del trequartista marocchino ma per Milano la prova dell’attaccante empolese è da 5,5.
Il perché resterà un mistero.

MIRANDA: nella catastrofe nerazzurra ha avuto un ruolo importante anche il centrale brasiliano, autore di una prestazione insicura e senza mordente.
La sufficienza della Gazzetta è un regalo di Pasqua anticipato.

IL SV DI JOAO MARIO: perché la Gazzetta non ha dato il voto al centrocampista portoghese? semplice!
E’ entrato al 80’ e i minuti di recupero non li considera.
Se avesse fatto qualcosa di significativo in quei 6 minuti, avrebbe preso il voto ma non ha combinato granché in quell’arco di tempo.