Un calcio alla Sfiga!




Quando la sfortuna ti colpisce tante di quelle volte, pensi che ormai sia giunta l’ora di gettare la spugna e di riporre nel cassetto il sogno di ritornare a giocare in Serie A e magarì lasciare il segno. Non è il caso di Federico Melchiorri.

A San Siro, l’attaccante del Cagliari ha coronato il suo sogno: quello di essere protagonista in Serie A e fare gol contro avversari illustri come l’Inter.

Poteva chiudere la partita con una doppietta ma Handanovic gli ha tolto questa ulteriore soddisfazione.

Alla fine, è stata un enorme gioia per Melchiorri specialmente dopo tutto quello che ha passato nella sua travagliata carriera.

Cresciuto nel settore giovanile del Tolentino, nel 2006 viene acquistato dal Siena dove ha il primo breve assaggio di Serie A.




Dopo l’esperienza toscana, comincia a farsi le ossa in Lega Pro per poi fermarsi bruscamente a causa di un tumore al cervello.

Destino simile a quello di Castan: ad entrambi gli viene diagnosticato un cavernoma e sono riusciti a vincere la battaglia contro questo male.

Dopo quasi un anno di inattività, riparte dall’Eccellenza con il Tolentino.

A suon di gol, scala la montagna che lo porterà al calcio che conta. Diventa protagonista con la squadra della sua città, la Maceratese e sfiora l’impresa di portarla in Lega Pro.

Il salto lo compie lo stesso anzi fa un doppio salto visto che è passato al Padova, allora in Serie B. Il debutto nella serie cadetta non è entusiasmante.

Nonostante i 6 gol in campionato, i veneti retrocedono ma il Pescara vede in lui delle potenzialità che sono ancora inespresse.

Hanno ragione.

Melchiorri esplode con la maglia degli abruzzesi trascinandoli ai play off per la serie A persi in finale contro il Bologna.

La cima è vicina ma bisogna affrontare una bufera, l’ennesima. Il Cagliari lo ingaggia per ritornare subito in serie A. Stagione da incorniciare per Melchiorri che era diventato il punto fermo della squadra di Rastelli.

La bufera si abbatte il 1°aprile quando subisce un grave infortunio durante un allenamento. Lesione del legamento crociato del ginocchio destro che lo porta a stare lontano dai campi per 6 mesi.

La sfiga non vuole lasciare in pace questo ragazzo che finisce la stagione nel momento più cruciale.

Per fortuna, i sardi conquistano la promozione in Serie A e Melchiorri ha la possibilità di tornare a giocare nella massima serie dove averla vissuta con il Siena.




E’ stato un ritorno col botto.

Rientra dall’infortunio contro la Sampdoria ed è subito decisivo segnando il gol vittoria per il Cagliari.

Il resto è storia recente. La cima l’ha raggiunta e adesso potrà raccontare di avercela fatta.