Il Migliore della 23esima Giornata di Serie A: Marek Hamsik




In questa giornata ricca di gol, potevamo menzionare Mertens e Parolo autori di prove fantascientifiche con bonus a grappoli però c’è un giocatore che è vicino ad essere una leggenda nel suo club portandosi ad un passo, in gol fatti, ad un idolo indiscusso che era un attaccante mentre questo calciatore è un centrocampista.

Stiamo parlando di Marek Hamsik che sabato, a Bologna, ha illuminato il “Dall’Ara” con una sontuosa tripletta degna di una punta di razza.

Che segni tanti gol non è una novità ma che è vicino a raggiungere uno come Maradona è come toccare il cielo con un dito.

Mancano 4 reti per superare l’idolo per eccellenza della tifoseria napoletana se il centrocampista slovacco continua a segnare con costanza, il sorpasso potrebbe accadere molto presto.

Nell’anticipo del sabato sera si è visto il meglio che può offrire il reparto avanzato di Sarri e il peggio della difesa di Donadoni.

Ci si aspettava una gara dei felsinei attenta e concentrata con il Napoli che doveva sudare 7 camicie per conquistare i 3 punti.

Sono bastati 6 minuti per mettere le cose in chiaro e i restanti 84 per dare una sonora mazzata ad un Bologna uscito annichilito.

Hamsik è stato il condottiero che ha guidato i suoi uomini alla conquista del campo emiliano con estrema facilità.

Uno dei suoi fidi scudieri stava per rovinare tutto, Callejon, però anche in 10 hanno fatto terra bruciata con la complicità di Masina.




Avere contro Hamsik vuol dire solo una cosa: beccarsi un suo gol.

Subirne 3 avranno indotto molti fantallenatori al suicidio.

Lo stesso vale anche per chi ha avuto contro Mertens e Parolo.

Comprendiamo la rabbia e gli insulti vari ai suddetti giocatori che hanno rovinato il week end fantacalcistico con bonus incredibili.

Questo 7-1 ha generato una ventata di ottimismo per gli uomini di Sarri cancellando così la delusione del pareggio casalingo contro il Palermo.

L’ottimismo sarà utile per affrontare il Real Madrid al Bernabeu, una gara dove le mollezze non devono esistere.

Con il condottiero Hamsik, non vedremo bambini terrorizzati ma uomini valorosi a caccia del grande colpo.