#iConsiglidiFantamaster per la 11a Giornata di Serie A




Non ci si ferma un attimo in Serie A.

Dopo il turno infrasettimanale terminato con Palermo-Udinese, si riprende subito oggi con gli anticipi Bologna-Fiorentina e Juventus-Napoli.

Si comincia alle 18 con il match tra Bologna e Fiorentina.

Tra i felsinei, non convocati Torosidis e Maietta. Dentro Helander e Krafth.

Per il ruolo di centravanti, in vantaggio Sadiq su Floccari.

Probabile turno di riposo per Gonzalo Rodriguez che non sta ben figurando.

Pronto De Maio. Anche Ilicic e Bernardeschi potrebbero seguirlo in panchina con il ritorno di Borja Valero dal primo minuto e l’inserimento di Tello.

Verdi è la luce di questa Bologna e si spera che non si fulmini la lampadina, salvo sorprese che possono essere Krejci o Sadiq.

Nella Fiorentina ci vuole un Borja Valero ispirato per sbancare il “Dall’Ara” e un Kalinic stile Cagliari-Fiorentina.




Big match allo Juventus Stadium dove i bianconeri affronteranno un Napoli in lenta ripresa.

Sarri dovrà ancora rinunciare Albiol con Chiriches e Maksimovic in lotta per sostituirlo.

Zielinski insidia Allan mentre Hamsik e Hysaj riprendono il loro posto nell’undici titolare.

Nella Juventus conferma del tandem Higuain-Mandzukic che ha ben fatto contro la Samp.

Allegri sta valutando se schierare subito Marchisio o farlo entrare a gara in corso.

Se sceglierà la seconda opzione, è pronto Hernanes in cabina di regia.

Gara particolare per Higuain che sfiderà per la prima volta la sua ex squadra e potrebbe creare anche qualche dispiacere.

Da non sottovalutare nel Napoli l’ottimo momento di forma di Mertens.

Dopo aver ritrovato la vittoria dopo 3 turni, l’Inter vorrà continuare il trend positivo ma c’è la Sampdoria di Muriel pronta a dare battaglia.

Probabile conferma per Brozovic a centrocampo vista l’assenza di Medel per squalifica.

Perisic torna nel tridente offensivo a discapito di Eder.

Tra i blucerchiati, ancora assente Viviano per infortunio.

Ricomparirà dal primo minuto il duo d’attacco Muriel-Quagliarella dopo aver un po’ riposato nel turno infrasettimanale con Bruno Fernandes alle loro spalle.

Icardi è in stato di grazia ma anche Candreva sta cominciando ad essere più pericoloso.

Brozovic può essere una potenziale sorpresa.

La Samp spera di vedere un Quagliarella indemoniato e di un Torreira in serata.

Il Milan vuole dimenticare il match del Marassi contro il Genoa.

Troverà al San Siro un Pescara in difficoltà. Squalificato Paletta per i rossoneri.

Spazio per il paraguaiano Gomez. Vicino alla panchina Locatelli con Sosa pronto a prendere il suo posto a centrocampo.

Tra gli abruzzesi peserà l’assenza di Campagnaro per squalifica.

Oltre all’argentino, mancheranno Verrè e Bahebeck.

In difesa ci sarà Coda mentre a centrocampo torneranno titolari Benali e l’ex Milan Cristante.

Sembra una partita dall’esito scontato ma mai dire mai.

I vari Bacca, Bonaventura, Niang potrebbero avere vita facile ma bisognerà vedere se il Milan avrà digerito il 3-0 contro i grifoni di martedì.

La freccia che può colpire gli uomini di Montella si chiama Caprari.

Partita dove può regnare l’equilibrio tra Lazio e Sassuolo.

Entrambe le squadre hanno i loro acciaccati illustri: i biancocelesti hanno ancora fuori uso Biglia e la coppia di centrali difensivi De Vrij e Bastos mentre i neroverdi Berardi, Magnanelli e Missiroli.

L’infermiera rischia di riempirsi per Inzaghi con Parolo in forte dubbio per un infortunio subito contro il Cagliari.

In preallarme Milinkovic-Savic.

Per Di Francesco c’è un reparto che piange: la difesa. Per la trasferta romana, saranno assenti Cannavaro, Letschert e Antei. Peluso agirà come difensore centrale con Lirola e Gazzola sulle fasce. Al posto di Magnanelli, giocherà Sensi.

La Lazio ha un Immobile in forma straripante.

Non bisogna sottovalutare anche l’ottimo momento di Keita e Felipe Anderson.

Per il Sassuolo l’ex biancoceleste Matri vorrà dire la sua e per Politano sarà un derby visto che è cresciuto nel vivaio giallorosso.

13 punti in 5 gare ! L’Atalanta di Gasperini non la ferma più nessuno.

Cancellato l’inizio stentato, i bergamaschi viaggiano spediti verso una salvezza tranquilla.

Pochi dubbi per gli orobici: Petagna giocherà regolarmente e Zukanovic scalpita per avere un’altra maglia da titolare.

Se la gioca con Caldara il quale sta sorprendendo tutti. Difficile spodestarlo dal suo posto.

Nel Genoa, in forte dubbio Izzo per una contusione alla gamba destra.

Se non dovesse farcela, ballottaggio Orban-Gentiletti con il primo leggermente in vantaggio.

Juric pensa di schierare sia Pavoletti che Simeone dall’inizio con Ninkovic in panchina.

Potrebbe essere la giornata di Pavoletti e Petagna.

Smaltito l’infortunio, l’attaccante genoano ha subito ripreso a segnare colpendo una vittima illustre come il Milan mentre per l’atalantino sembra essere l’annata della definitiva svolta.

Ci si aspetta una conferma.

Roma in cerca di conferme ed Empoli in cerca di gol.

Così si presenta l’incontro tra i giallorossi e i toscani. Sfida tra un attacco in salute e uno che stenta a decollare.

Tegola per Spalletti che perde Florenzi per 5 mesi ma recupera Rudiger e Perotti.

Il tedesco partirà ancora dalla panchina dopo aver assaggiato il campo per qualche minuto mercoledì mentre l’argentino si gioca il posto con El Shaarawi.

Nell’Empoli Pasqual ritrova il suo posto sulla fascia. Conferma per l’albanese Veseli.

In attacco ci saranno Maccarone e Pucciarelli.

Ancora panchina per Gilardino.

Facile consigliare Dzeko e Salah per questa gara.

Oltre al bosniaco e all’egiziano, occhio a Strootman e a Manolas che dovrebbe avere pochi problemi in questa partita.

I toscani pregano per una prestazione super di Saponara e Maccarone.

Il Crotone è gasato dopo il pareggio al Franchi contro la Fiorentina e vuole regalare la prima gioia al proprio pubblico contro il Chievo.

Nicola potrà contare su Palladino e Tonev che affiancheranno Falcinelli. Panchina per Rohden, il suo errore ha negato la prima vittoria ai calabresi.

I clivensi dovranno fare a meno di Meggiorini, uscito malconcio contro il Bologna. Al suo posto, potrebbe giocare Floro Flores.

Castro ha scontato la squalifica e sarà della partita.

Probabile turno di riposo per Dainelli e Radovanovic.

Occasione per Palladino per diventare l’eroe dello “Scida”.

Il Chievo, però, è un avversario ostico e Maran si affiderà all’intraprendenza di Castro.

La giornata si concluderà con i posticipi Udinese-Torino e Cagliari-Palermo.

La cura Delneri sta facendo effetto.

L’Udinese sta macinando gioco e punti però adesso l’avversario è bello tosto: il Torino di Mihajlovic.

Il tecnico friulano non vuole toccare la formazione che ben si è comportata a Palermo.

L’unico cambio potrebbe essere De Paul per Badu.

Tra i granata, Castan e Ljaijc difficilmente saranno della partita. Mihajlovic cercherà di recuperare il serbo anche se le speranze sono ridotte al lumicino. Pronti Boye e Rossettini al loro posto.

Se non ci sarà Ljaijc, il Torino potrà contare sull’estro di Iago Falque, sulla vena realizzativa di Belotti e sulla saggezza tattica di Valdifiori.




L’Udinese si affiderà ad un Thereau ritrovato e ad un Fofana sorprendente.

I sardi sono rimasti storditi in questi ultimi turni: i 9 gol subiti l’hanno portata ad essere la peggior difesa del campionato.

Ci vuole un cambio di rotta. Rastelli, senza Murru, lancerà dal primo minuto Bittante.

In attacco torna Sau dal primo minuto anche se non è da sottovalutare la candidatura di Melchiorri.

Anche i siciliani hanno una difesa ballerina: ben 11 gol subiti in 3 gare. Un passivo pesante e De Zerbi è stanco di subire queste batoste.

Occasione per gli svedesi Quaison e Hiljemark al posto di Embalo e Bruno Henrique.

Confermato il bomber macedone Nestorovski con Diamanti pronto ad agire alle sue spalle.

Borriello è desideroso di rifarsi dopo l’errore dal dischetto contro la Lazio.

Occhio anche a Di Gennaro sempre in grande spolvero al “Sant’Elia”.

Oltre al solito Nestorovski, potrebbe stupire Diamanti, ancora a secco di gol.