I Consigli di Fantamaster per la 26esima Giornata di Serie A




PORTIERI

Giornata difficile dove scegliere il portiere giusto.

Le gare di questo turno sono abbastanza complicate e presentano molte insidie.

L’unico estremo difensore che ha una partita abbordabile è Buffon il quale avrà di fronte l’Empoli di Mchedlidze.

Visto l’ottimo momento dei bianconeri, il numero 1 di Carrara potrebbe passare una serata con pochi grattacapi.

Per Handanovic e Reina, la concentrazione dovrà essere al massimo.

Dzeko e Salah sono clienti scomodi per il batman nerazzurro, per fermarli ci vorrà una prestazione da super eroe viste le assenze pesanti nella retroguardia dell’Inter.

Anche il portiere spagnolo del Napoli sarà costretto a vestire i panni del super eroe perché i ragazzini terribili di Gasperini daranno molto filo da torcere alla squadra di Sarri.

Attenzione per chi ha Sorrentino.

Con la cura Zeman, il Pescara ha ridicolizzato il Genoa e vuole fare lo stesso con il Chievo.

Gli abruzzesi faranno la loro classica partita d’attacco creando molte palle gol.

Per il portiere clivense sarà una gara dura.

Un monito anche per Viviano e Gabriel che giocheranno rispettivamente a Palermo e a Crotone.

L’ottima prova del Pescara potrebbero scatenare un effetto domino coinvolgendo la squadra siciliana e quella calabrese e rendendo la lotta salvezza più affascinante e meno scontata. 

Se avete intenzione di schierarli, pensateci su un paio di volte.

Donnarumma alle prese con lo spauracchio Berardi.

Il numero 25 neroverde è la bestia nera del Milan dove ha sempre creato un dispiacere ai colori rossoneri.

Per uscire indenne, il giovanotto dovrà chiudere la saracinesca come si deve.

Le 5 scoppole sono pesanti da digerire.

Lamanna non vede l’ora di cancellare il pomeriggio da incubo in quel di Pescara, solo che il Bologna, anch’essa in crisi di risultati, non è un avversario semplice.

Nuova partita dall’alto tasso di pericolo per il portiere genoano.




DIFENSORI

Inter perde pezzi in difesa.

La squalifica di Miranda peserà come un macigno perché il brasiliano era l’unico in grado di contrastare la stazza fisica di Dzeko.

Spetterà a Medel l’arduo compito di fermare lo straripante attaccante bosniaco.

Murillo non è in perfette condizioni e si valuterà la sua situazione fino a domenica.

Nella Roma, rientro vicino per Rudiger che sta guarendo dall’infortunio subito nella trasferta iberica in Europa League.

Messo in castigo dal sergente Allegri contro il Porto, Bonucci tornerà a combattere per i colori bianconeri contro l’Empoli.

L’esclusione ha lasciato l’amaro in bocca al difensore il quale, forse, non si aspettava un trattamento del genere in una gara cruciale.

Adesso non sta più nella pelle nel riprendere il suo posto al centro della difesa.

Per il ruolo di partner difensivo di Bonucci, il recupero di Chiellini è a buon punto però ci potrebbe essere una conferma per Benatia, salvo che non la spunti Rugani.

Ottime notizie per il Milan che recupera De Sciglio dopo quasi un mese di stop.

Rientro importante in un punto dove era rimasto solo Vangioni però non è da escludere la conferma di quest’ultimo nell’11 titolare.

Napoli e Atalanta mostreranno la loro difesa al completo.

Nessun dubbio per Sarri e Gasperini che dovranno solo lucidare i loro gioielli.

Entrambe le retroguardie dovranno sudare 7 camicie per cercare di uscire indenni.

Quella bergamasca avrà più grattacapi con Mertens e Insigne attualmente infermabili.

Il Genoa deve alzare la testa dopo il pesante ko di Pescara.

Al neo tecnico Mandorlini toccherà lavorare parecchio sulla fase difensiva che, nel turno scorso, ha fatto acqua da tutte le parti.

Di certo, punterà su Izzo, risultato il meno peggio nella catastrofica trasferta abruzzese.

Con la convocazione per lo stage in nazionale più gli attestati di stima da parte del CT Ventura, Izzo può portare una ventata di positività in un ambiente dall’umore nero.

Anche a Bologna non si respira un aria felice.

Un’altra sciabolata si conficca sulla schiena di Donadoni sperando che non arrivi quella definitiva chiamata “esonero”.

A Genova, la difesa bolognese sarà ancora improvvisata con Torosidis adattato centrale viste le assenze di Gastaldello e Maietta.

Zeman è tornato seminando già il panico.

La difesa del Chievo è avvisata con Maran che adotterà soluzioni per bloccare i vari Caprari e Cerri.

In questi casi, l’esperienza gioca un ruolo fondamentale e Gobbi ne ha parecchia.

Il terzino gialloblu saprà quando agire e affondare il colpo alla fragile difesa biancoazzurra.

I suoi cross saranno preziosi per il probabile duo attacco IngleseMeggiorini.

Fiorentina alla ricerca di continuità.

In particolar modo, la retroguardia che sta mostrando poca sicurezza e solidità.

Contro il Milan si è sciolta come neve al sole e contro il Torino non può ripetere una prestazione del genere.

De Vrij riprende il suo posto in difesa mentre il suo compagno di reparto, Basta rischia di scivolare in panchina con Patric vicino ad indossare la maglia da titolare.




CENTROCAMPISTI-TREQUARTISTI

Il gol contro il Palermo è sintomo della guarigione ormai completata per Marchisio.

Il principino bianconero vuole tornare a spadroneggiare a centrocampo e il probabile candidato a lasciargli il posto è Khedira.

Partita adatta a Pjanic per piazzare i suoi calci da fermo se l’Empoli renderà la vita difficile alla Juventus.

Ci sarebbe anche Dybala, piuttosto bravino su punizione, ma le traiettorie del bosniaco sono tutta un’altra storia.

Partita tosta per gli uomini tosti.

Inter-Roma si presenta così, con i giallorossi che mostrano un super Nainggolan mentre i nerazzurri sperano di rivedere Brozovic.

Difficile ma non impossibile il recupero del centrocampista croato per l’incontro di domenica sera.

La decisione definitiva verrà presa sabato o prima del fischio d’inizio.

Ballottaggio KondogbiaBanega con l’argentino in leggero vantaggio.

Brillante lo spezzone di gara dell’ex Siviglia che ha portato l’Inter a conquistare 3 punti preziosi nella difficile trasferta di Bologna.

Anche la Roma ha il suo ballottaggio, quello tra ParedesDe Rossi per il ruolo di regista.

Capitan De Rossi potrebbe spuntarla anche se il Paredes visto contro il Torino è un’arma interessante per spegnere i sogni di gloria nerazzurri.

Kucka è in dubbio per la gara di Reggio Emilia contro il Sassuolo.

Un affaticamento muscolare potrebbe relegare lo slovacco in panchina con Bertolacci che partirà dal primo minuto.

Probabile conferma per Sosa, autore di una buona prova contro la Fiorentina.

Lazio senza Biglia per squalifica.

Parolo andrà in cabina di regia con Milinkovic-Savic che farà il Parolo.

La duttilità di Lulic sarà importante per i biancocelesti per portare a casa punti importanti contro l’Udinese.

Inzaghi lo reputa essenziale proprio per la sua utilità sia in fase difensiva che in quella offensiva e per la cattiveria giusta che mette in campo.

Giocatori come lui, sono la fortuna di ogni allenatore e fantallenatore.

I friulani non vogliono fare la parte delle vittime sacrificali nonostante le defezioni di De Paul e Hallfredsson.

Ci si aspetta un Fofana extralarge come quello visto contro il Sassuolo.

Peccato che il suo bel gol è servito a poco.

Un infortunio all’addome terrà fermo Allan per 20 giorni.

Il classico ballottaggio tra lui e Zielinski non ci sarà mentre resta quello tra Jorginho e Diawara con il guineano in vantaggio.

A Napoli è già venerato e coccolato il ragazzo proveniente dal Bologna e anche Sarri non può più farne a meno.

Bologna e Cagliari hanno bisogno di Verdi e Joao Pedro per tornare alla vittoria, specialmente i felsinei reduci da un periodo altamente sfortunato.

Donadoni vuole rivedere il Verdi trascinatore del girone d’andata che, con le sue prodezze, aveva portato il Bologna in una bella posizione in classifica. L’infortunio è ormai storia passata, adesso è il tempo di tornare decisivi contro il Genoa, altra squadra in piena crisi.

Stagione ricca di alti e bassi per il brasiliano del Cagliari.

Gli infortuni hanno provocato questo andamento incostante ma pare che la forma del trequartista sardo sia ottimale.

Rastelli confida nei piedi del suo gioiello e spera di uscire vincitore dallo “Scida” con un gol o un assist decisivo di Joao.

Dubbi a centrocampo per Sousa il quale dovrà sopperire all’assenza di Vecino.

L’allenatore portoghese sta valutando se concedere un’altra chance ad Ilicic, nonostante la pessima prova offerta contro il Milan, con Borja Valero che agirà sulla mediana.

Il piano B consiste nello schierare Badelj al posto di Vecino con lo spagnolo sulla trequarti.

Si rivede Valdifiori nel Torino però Lukic non vuole mollargli il posto.

Panchina vicina per Baselli apparso svogliato contro la Roma.

ATTACCANTI

La sfida tra Icardi e Dzeko infiamma questo turno di campionato.

La punta bosniaca viaggia spedito per raggiungere la vetta della classifica capocannonieri con Higuain che lo tallona mentre la punta nerazzurra è un po’ dietro per via dei 2 turni di squalifica che hanno frenato il suo cammino.

Adesso non vede l’ora di regalare una gioia ai suoi tifosi e all’Inter che ha bisogno dei suoi gol per provare l’assalto alla zona Champions.

Le sirene cinesi distraggono Bacca.

L’offerta del Tianjin è allettante e se decidesse di partire, Montella non si opporrà alla cessione ormai stanco delle prove scialbe e inconcludenti del suo numero 9.

Con un Deloufeu in ottima condizione, si può anche fare a meno di Bacca.

Poi c’è sempre Lapadula.

Berardi sogna di portare ulteriori dispiaceri in casa Milan.

L’attaccante neroverde quando vede il rossonero è come il toro quando vede rosso: diventa una furia, si scatena e segna come se non ci fosse un domani.

E’ da un bel po’ che non esce un suo +3 quindi il Milan è avvisato.

Higuain e Dybala sono in procinto di donare nuovi bonus ai fantallenatori che tanta fiducia hanno posto in loro.

Il tandem argentino gira a meraviglia con l’Empoli il quale dovrà mettere un pullman per non subire gol a grappoli.

Periodo sonnecchiante per Simeone.

Come il Genoa, anche il Cholito è in crisi. Mandorlini ha il compito di rigenerare il ragazzo perché i grifoni vogliono uscire dai bassifondi della classifica e Simeone ha le chiavi per risalire la china.

Dopo tante buone prestazioni, Belotti ha steccato contro la Roma.

Ci può stare una prova sottotono del Gallo, l’importante è che non si ripeta a Firenze perché i fantallenatori si sono abituati bene alla sua costanza in zona gol.

La Fiorentina punterà sui pochi lati positivi dell’ultima trasferta milanese: Chiesa e Kalinic.

Non è più una sorpresa il giovanotto viola anzi è una splendida realtà.

Bravo Sousa a lanciarlo nel momento giusto e da lì non si è più schiodato.

Non c’è solo il Berna a Firenze.

Questa può essere la giornata degli “ultimi saranno i primi”.

Stiamo parlando delle punte di Palermo, Crotone e Pescara ovvero Nestorovski, Caprari e Falcinelli.

Occasione ghiotta per gli attaccanti in questione per timbrare il cartellino e tentare la grande impresa.

La salvezza è un’utopia ma nel calcio niente è impossibile.