CONSIGLI FANTACALCIO: Terza Giornata di Serie A

PORTIERI

 

  • STRAKOSHA: il povero Strakosha ha avuto un inizio di stagione tutto in salita.
    Gli ossi duri Napoli e Juventus hanno reso impossibile l’obiettivo di lasciare la porta inviolata.
    Contro il Frosinone, potrebbe vivere una giornata più tranquilla.

 

  • LAFONT: il Chievo non l’ha impensierito più di tanto.
    Ci si aspettava qualche parata importante ma i ragazzi di D’Anna hanno deciso di non attaccare a Firenze.
    L’Udinese darà sicuramente filo da torcere al portierino francese.
    Può diventare il protagonista della gara.

 

  • SIRIGU: per il fantacalcio, è ormai una garanzia, il classico portiere da schierare in qualunque partita.
    Non teme la Spal dalla partenza sprint e farà di tutto per regalare il primo dispiacere stagionale agli spallini.

 

  • HANDANOVIC: è giunto il momento di risalire la china dopo la pessima figura contro il Torino.
    Il Bologna dall’attacco non ancora pervenuto è l’avversario che fa al caso del portiere sloveno per risollevarsi. 

 

DIFENSORI

 

  • TOLOI: è in pieno stato di grazia.
    Il centrale brasiliano degli orobici si è trasformato in un giocatore capace di usare la spada nei momenti difficili e il fioretto con dei passaggi deliziosi.
    Contro il Cagliari, potrebbe osare di più e puntare al gol emulando il suo compagno di reparto Masiello.

 

  • ACERBI: gli sono bastate poche partite per diventare il padrone della retroguardia biancoceleste.
    Nonostante la sconfitta, ha superato l’esame Juventus offrendo una prestazione con poche sbavature.
    Dategli fiducia in questo turno di campionato.
     

 

  • MANOLAS: Duvan Zapata gli ha fatto vedere i sorci verdi lunedì ma la sua reazione è stata formidabile.
    La capacità di rialzarsi subito, dopo alcune nefandezze, piace ai tifosi giallorossi e, soprattutto, ai fantallenatori i quali raramente rimangono delusi dal difensore greco. 

 

  • BIRAGHI: il suo campionato è iniziato con una prova brillante.
    L’apporto dell’esterno viola è stato fondamentale per ottenere il rotondo successo contro il Chievo.
    Ha siglato il primo assist, può sfornarne altri nel secondo appuntamento casalingo.

 

CENTROCAMPISTI-TREQUARTISTI

 

  • LUIS ALBERTO: non si è ancora accesa la lampadina spagnola.
    Il suo talento
    accecante è, per ora, una flebile fiammella che Inzaghi dovrà immediatamente riaccendere per scalare la classifica.
    Restare a 0 punti, dopo 2 turni, non è bello.
     

 

  • ZIELINSKI: con Ancelotti, può agire a briglia sciolta.
    Non deve fare più la riserva di qualcuno ma è finalmente un titolare che difficilmente cederà il posto.
    Il doppio sigillo contro il Milan ne è la prova.

 

  • SORIANO: sta prendendo le misure del centrocampo granata.
    Presto sarà un punto fermo ma servirà ancora un po’ di pazienza.
    Il feeling con i nuovi compagni di squadra sta crescendo a vista d’occhio e questo potrebbe accelerare il suo inserimento.
    Può colpire la granitica difesa della Spal.

 

  • CALHANOGLU: il ritorno del guerriero turco.
    Scontata la squalifica, potrà riprendere il suo posto nel tridente d’attacco rossonero.
    Non troverà Kalinic o Andrè Silva come terminale d’attacco bensì Higuain,
    un attaccante che scarterà con facilità i cioccolatini che offrirà il talento ex Bayer Leverkusen.

 

ATTACCANTI

 

  • ICARDI: in pochi si sarebbero aspettati in digiuno del genere.
    Un Icardi a secco stona e urge la medicina “Gol” per tornare in sesto.
    L’Inter ha assoluto bisogno delle sue reti vista la drammatica posizione in classifica.

 

  • CRISTIANO RONALDO: i tifosi juventini non hanno ancora visto un suo gol ma solo un pallone che CR7 ha clamorosamente lisciato a porta vuota.
    I fantallenatori non hanno pazienza col talento lusitano, pretendono una sua immediata reazione con tanto di gol.
    A Parma può sbloccarsi.  

 

  • IMMOBILE: non è riuscito a sfondare il muro bianconero come nella passata stagione.
    Con quello del Frosinone dovrebbe avere vita facile, salvo sorprese.

 

  • BELOTTI: pare si sia svegliato il Gallo.
    Il suo canto ha spaccato i timpani di Handanovic rimasto stordito per tutto il secondo tempo.
    Si attende un suo nuovo exploit.

 

  • CAPUTO: la difesa del Chievo è come quella del tonno che si taglia con un grissino.
    Musica per le orecchie di Caputo che può regalare un’altra serata da incubo per la retroguardia veneta.