I Consigli per l’Asta invernale: i Portieri e i Difensori




PORTIERI

Il ruolo del portiere è molto delicato e, per un fantallenatore, prendere quelli giusti diventa una sfida ardua.

Se durante l’asta iniziale, si è riusciti ad acquistare i portieri tanto desiderati, sicuramente non vi porrete il problema di adottare dei cambiamenti.

Se si è avuta la sfortuna di comprare estremi difensori dal rendimento incerto, sarà obbligatorio rivedere il terzetto e cercare di mettere una toppa per terminare il fantacalcio senza subire barche di gol.

Chi ha puntato sull’esperienza di Storari e Bizzarri, ha fatto un grosso buco nell’acqua. Invece di salvare gli errori delle loro retroguardie, sono diventati complici.

Da estremi difensori dal sicuro affidamento sono passati a portieri i quali ce se ne vuole sbarazzare volentieri.

Piccola menzione per Posavec: si trova in una squadra totalmente allo sbando, priva di una guida.

Lui fa quel che può in un ambiente ostile. Il ragazzo ha futuro e lo noterete presto.

Nel Cagliari sembra che Rafael abbia preso il posto di Storari.

Non c’è ancora certezza sulla titolarità perché Gabriel non vorrà per l’ennesima volta fare la comparsa.

Rastelli dovrà decidere a chi affidare la porta sarda.

Sportiello insidia Tatarusanu.

Le prestazioni non sempre all’altezza del portiere rumeno della Fiorentina hanno spinto la dirigenza viola ad acquistare il giovane Sportiello dall’Atalanta.

Sotto pressione, Tatarusanu dovrà cercare di convincere coloro che dubitano delle sue doti da portiere altrimenti il rischio di diventare il prossimo dodicesimo viola è alto.

Chi si è scrollato di dosso la concorrenza di Sportiello è Berisha.

Ora la porta dell’Atalanta è sua.

Gollini non darà fastidio nonostante sia un ottimo portiere.

Crescita esponenziale di Skorupski.

Sta mostrando grandi margini di miglioramento ed Empoli comincia ad essere stretta per il portiere lituano.

Potrebbe tornare alla Roma ma Szcszeny è un’altra sorpresa interessante di questa prima parte di stagione. Meno incertezze rispetto il campionato scorso, più decisivo e sicuro nelle gare che contano.

E’ finita l’era del portiere polacco maldestro!

Ha letteralmente oscurato Allisson e Spalletti si sta godendo un estremo difensore con i fiocchi. Sarà contenta l’Arsenal che lo riporterà a casa a Giugno, salvo sorprese.

Note dolenti: la perenne sfiga di Perin e i continui guai fisici di Marchetti.

Sono due bravissimi portieri ma sono costantemente tartassati dagli infortuni. Il portiere genoano non è baciato dalla dea bendata.

Non ci voleva la rottura del crociato che costringerà Perin a lavorare sodo per tornare più forte di prima.

Per il portiere biancoceleste, sono tanti piccoli acciacchi che hanno portato Inzaghi a puntare sull’inesperienza di Strakosha, anche in gare importanti.

La sua fragilità fisica potrebbe causare l’addio alla Lazio dopo anni di onorato servizio.




PAGINA 2 – Difensori

Pagine: 1 2